Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6351 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 11 Aprile 2003

Nuovi FANS per la terapia del dolore del cavallo

  • Gli inibitori della ciclossigenasi-2 (COX-2) potrebbero ridurre gli effetti collaterali dei FANS nel cavallo.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Nuovi FANS per la terapia del dolore del cavalloLa terapia delle condizioni dolorose del cavallo (coliche, zoppie) si avvale da decenni di FANS come il flunixin meglumine e il fenilbutazone. La loro efficacia è provata, tuttavia questi farmaci possono causare effetti collaterali quali ulcere gastroenteriche e coliche.

In medicina umana, un nuovo gruppo di FANS, gli inibitori della COX-2, ha dimostrato pari efficacia analgesica e minori effetti ulcerogeni rispetto all'ibuprofene nella terapia dell'artrite.

I risultati di due recenti studi riportati in occasione dell'ACVIM del 2002 indicano che alcuni inibitori della COX-2, tra cui l'etodolac (già in commercio per l'artrite del cane), sono efficaci quanto il fenilbutazone nel trattamento della sinovite e della zoppia del cavallo. Poichè è dimostrato che l'etodolac ha anche minori effetti avversi sull'apparato gastroenterico, questo farmaco potrebbe essere una valida alternativa per il trattamento della zoppia in questa specie.

Ancora in fase di valutazione, questi farmaci potrebbero quindi essere presto disponibili in commercio anche per la specie equina.
Nuovi FANS per la terapia del dolore del cavalloLa terapia delle condizioni dolorose del cavallo (coliche, zoppie) si avvale da decenni di FANS come il flunixin meglumine e il fenilbutazone. La loro efficacia è provata, tuttavia questi farmaci possono causare effetti collaterali quali ulcere gastroenteriche e coliche.

In medicina umana, un nuovo gruppo di FANS, gli inibitori della COX-2, ha dimostrato pari efficacia analgesica e minori effetti ulcerogeni rispetto all'ibuprofene nella terapia dell'artrite.

I risultati di due recenti studi riportati in occasione dell'ACVIM del 2002 indicano che alcuni inibitori della COX-2, tra cui l'etodolac (già in commercio per l'artrite del cane), sono efficaci quanto il fenilbutazone nel trattamento della sinovite e della zoppia del cavallo. Poichè è dimostrato che l'etodolac ha anche minori effetti avversi sull'apparato gastroenterico, questo farmaco potrebbe essere una valida alternativa per il trattamento della zoppia in questa specie.

Ancora in fase di valutazione, questi farmaci potrebbero quindi essere presto disponibili in commercio anche per la specie equina.

Letto 846 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.