Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6457 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 18 Aprile 2003

Clonato un banteng (Bos javanicus)

  • Il bovino è sopravvissuto al periodo postnatale.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Clonato un banteng (Bos javanicus)E' nato presso l?Advanced Cell Technology (ACT) di Worcester, nel Massachusetts, il primo clone apparentemente sano di banteng, una specie di bovini selvatici dell?isola di Giava in pericolo di estinzione. L?animale sarebbe in salute e ?perfettamente normale?, ed è nato il primo aprile da una mucca usata come madre.

Il clone deriva da campioni di tessuto congelato conservati allo zoo di San Diego dopo la morte di un banteng maschio nel 1980. Nuclei di cellule cutanee di questi campioni sono stati inseriti negli oociti di una mucca e le blastocisti ottenute sono state poi impiantate in 30 mucche. Delle 16 gravidanze avvenute, due sole sono state portate a termine, con la nascita di due identici esemplari di banteng a due giorni di distanza l?uno dall?altro. Il secondo banteng, però, presentava un peso alla nascita doppio rispetto al normale ed è stato soppresso.

Il banteng superstite sembrerebbe invece perfettamente sano e normale e dovrebbe essere ospitato nella piccola comunità di banteng dello zoo di San Diego.

Sul tema restano le solite perplessità di altri esperti, ovvero secondo alcuni scienziati il fatto di aver superato il periodo postnatale e di sembrare "normale" non esclude che l'animale possa sviluppare problemi nel futuro. Così come accade ai topi clonati, che appaiono sani alla nascita ma muoiono precocemente per una serie di problemi successivi.

Secondo gli autori della clonazione, però, si potrebbe ugualmente raggiungere lo scopo di contribuire a rinvigorire la popolazione dei banteng in via di estinzione, se i cloni arrivassero a produrre gameti maturi e quindi discendenti normali.

Non entrando però minimamente, con questo, nel merito della questione etica.



Clonato un banteng (Bos javanicus)E' nato presso l?Advanced Cell Technology (ACT) di Worcester, nel Massachusetts, il primo clone apparentemente sano di banteng, una specie di bovini selvatici dell?isola di Giava in pericolo di estinzione. L?animale sarebbe in salute e ?perfettamente normale?, ed è nato il primo aprile da una mucca usata come madre.

Il clone deriva da campioni di tessuto congelato conservati allo zoo di San Diego dopo la morte di un banteng maschio nel 1980. Nuclei di cellule cutanee di questi campioni sono stati inseriti negli oociti di una mucca e le blastocisti ottenute sono state poi impiantate in 30 mucche. Delle 16 gravidanze avvenute, due sole sono state portate a termine, con la nascita di due identici esemplari di banteng a due giorni di distanza l?uno dall?altro. Il secondo banteng, però, presentava un peso alla nascita doppio rispetto al normale ed è stato soppresso.

Il banteng superstite sembrerebbe invece perfettamente sano e normale e dovrebbe essere ospitato nella piccola comunità di banteng dello zoo di San Diego.

Sul tema restano le solite perplessità di altri esperti, ovvero secondo alcuni scienziati il fatto di aver superato il periodo postnatale e di sembrare "normale" non esclude che l'animale possa sviluppare problemi nel futuro. Così come accade ai topi clonati, che appaiono sani alla nascita ma muoiono precocemente per una serie di problemi successivi.

Secondo gli autori della clonazione, però, si potrebbe ugualmente raggiungere lo scopo di contribuire a rinvigorire la popolazione dei banteng in via di estinzione, se i cloni arrivassero a produrre gameti maturi e quindi discendenti normali.

Non entrando però minimamente, con questo, nel merito della questione etica.



Letto 568 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.