Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7700 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 21 Settembre 2016

Sorveglianza degli eventi avversi nelle anestesie del cane e del gatto

  • Più probabili nelle anestesie canine. Intensificazione delle cure post-anestetiche necessaria nel 20% dei casi
Vota questo articolo
(0 Voti)

anes1Uno studio prospettico ha sviluppato, testato e definito un sistema ”basato sugli interventi” per la sorveglianza degli eventi avversi (EA) durante l’anestesia dei piccoli animali. Si includevano 1386 anestesie consecutive, di cui 972 nel cane e 387 nel gatto. Si definiva evento avverso un evento perianestetico indesiderato che richiedeva un intervento per prevenirne a limitarne la morbilità.

Utilizzando studi precedenti, si selezionavano 11 EA comuni e si definivano gli interventi. I dati sugli EA venivano raccolti attraverso cartelle compilate dopo ciascuna anestesia e assimilati in un database elettronico. Gli interventi erano effettuati interamente a discrezione dell’anestesista partecipante.

Per leggere l’articolo completo devi fare login con i tuoi codici EGO.

Scritto da
Super User

Letto 2581 volte Ultima modifica il Mercoledì, 21 Settembre 2016 16:43

vetchannel.jpg

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares