Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6457 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 12 Gennaio 2015

Spondilomielopatia cervicale di origine ossea: una casistica

  • Miglioramento neurologico ed esito a lungo termine positivo dopo trattamento chirurgico
Vota questo articolo
(0 Voti)
Spondilomielopatia cervicale di origine ossea: una casisticaUno studio retrospettivo ha valutato il segnalamento, l'esame neurologico, la diagnostica per immagini e l’esito di 27 cani trattati con terapia medica o chirurgica per spondilomielopatia cervicale di origine ossea (OACSM). L'esame neurologico veniva classificato con una scala da 0 (normale) a 5 (tetraplegia).

L'età media dei 27 pazienti era di 2 anni ed erano presenti 15 Alani, 3 Mastini, 3 Terranova e 6 cani di altre razze di grossa taglia. Per i cani trattati con terapia medica (n = 7), il grado neurologico iniziale era di 2; per quelli trattati con terapia chirurgica (20) era di 3. La MRI rivelava una compressione midollare dorsolaterale in 22 cani e una compressione laterale in 5 soggetti. I cani con compressioni più gravi avevano una probabilità leggermente maggiore di essere sottoposti a trattamento chirurgico anziché medico.

Il tempo di sopravvivenza mediano dei soggetti trattati con terapia medica era di 43 mesi e quello dei cani trattati chirurgicamente era di 60 mesi. Mostravano un miglioramento del grado neurologico 15 dei 19 cani trattati chirurgicamente da 4 a 8 settimane dopo la chirurgia e l'esito a lungo termine era da buono a eccellente.

Il trattamento chirurgico dei cani affetti da OACSM determinava un miglioramento neurologico ed era associato a un esito a lungo termine positivo. Nei soggetti trattati con terapia medica il deterioramento neurologico continuava anche se alcuni pazienti mostravano buone condizioni per alcuni anni, concludono gli autori.


“Osseous-associated cervical spondylomyelopathy in dogs: 27 cases (2000-2012).” Joy A Delamaide Gasper et al. J Am Vet Med Assoc. June 1, 2014; 244 (11): 1309-18.


Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Spondilomielopatia cervicale di origine ossea: una casisticaUno studio retrospettivo ha valutato il segnalamento, l'esame neurologico, la diagnostica per immagini e l’esito di 27 cani trattati con terapia medica o chirurgica per spondilomielopatia cervicale di origine ossea (OACSM). L'esame neurologico veniva classificato con una scala da 0 (normale) a 5 (tetraplegia).

L'età media dei 27 pazienti era di 2 anni ed erano presenti 15 Alani, 3 Mastini, 3 Terranova e 6 cani di altre razze di grossa taglia. Per i cani trattati con terapia medica (n = 7), il grado neurologico iniziale era di 2; per quelli trattati con terapia chirurgica (20) era di 3. La MRI rivelava una compressione midollare dorsolaterale in 22 cani e una compressione laterale in 5 soggetti. I cani con compressioni più gravi avevano una probabilità leggermente maggiore di essere sottoposti a trattamento chirurgico anziché medico.

Il tempo di sopravvivenza mediano dei soggetti trattati con terapia medica era di 43 mesi e quello dei cani trattati chirurgicamente era di 60 mesi. Mostravano un miglioramento del grado neurologico 15 dei 19 cani trattati chirurgicamente da 4 a 8 settimane dopo la chirurgia e l'esito a lungo termine era da buono a eccellente.

Il trattamento chirurgico dei cani affetti da OACSM determinava un miglioramento neurologico ed era associato a un esito a lungo termine positivo. Nei soggetti trattati con terapia medica il deterioramento neurologico continuava anche se alcuni pazienti mostravano buone condizioni per alcuni anni, concludono gli autori.


“Osseous-associated cervical spondylomyelopathy in dogs: 27 cases (2000-2012).” Joy A Delamaide Gasper et al. J Am Vet Med Assoc. June 1, 2014; 244 (11): 1309-18.


Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 752 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.