Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7663 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 359

Venerdì, 21 Ottobre 2016

Parametri postoperatori nella cavia dopo orchiectomia

  • Cambiamenti significativi rispetto ai valori preoperatori in due diversi gruppi di trattamento
Vota questo articolo
(0 Voti)

guinea pig surgeryUno studio ha valutato le modificazioni dei parametri gastrointestinali, delle variabili fisiologiche e delle soglie meccaniche mediante sistema Von Frey (EVF) a seguito di orchiectomia di routine per determinare se tali parametri potessero essere utili come criteri ripetibili appropriati per monitorare le modificazioni postoperatorie nelle cavie. Si effettuava uno studio randomizzato in doppio cieco su 14 cavie maschi interi.

Tutti i soggetti venivano sottoposti a orchiectomia convenzionale e venivano assegnati a caso a uno di due gruppi di trattamento postoperatorio. Ciascun soggetto riceveva meloxicam 0,5 mg/kg per via sottocutanea e buprenorfina 0,03 mg/kg per via sottocutanea immediatamente dopo l’intervento. In seguito si somministrava: meloxicam 0,5 mg/kg SC 24 e 48 ore dopo l’intervento (gruppo meloxicam) o soluzione fisiologica SC 24 e48 ore dopo l’intervento (gruppo di controllo).

Si registravano per 48 ore prima e dopo l’intervento i parametri fisiologici di base (frequenza cardiaca, frequenza respiratoria, temperatura rettale e peso corporeo), l’emissione di urine e feci, il consumo di cibo e acqua e le soglie meccaniche EVF attorno alla sede di incisione.

Si identificavano nel periodo postoperatorio in entrambi i gruppi un aumento significativo della frequenza cardiaca e della temperatura rettale e una diminuzione significativa della frequenza respiratoria, del peso corporeo e delle soglie meccaniche EVF. In entrambi i gruppi, dopo l’intervento, si osservava una diminuzione significativa dei consumi ma non si riscontravano alterazioni dell’emissione fecale e urinaria.

La maggior parte dei suddetti valori venivano ottenuti facilmente e mostravano cambiamenti significativi rispetto ai valori preoperatori in entrambi i gruppi, concludono gli autori.

Per leggere l’articolo completo devi fare login con i tuoi codici EGO.




Letto 1496 volte Ultima modifica il Venerdì, 21 Ottobre 2016 11:32

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares