Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6457 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 28 Novembre 2016

Linfonodi ileosacrali metastatici: ecografia o CT?

  • Per l’adenocarcinoma delle ghiandole apocrine dei sacchi anali, utile l'ecografia di screening ma più completa la valutazione CT
Vota questo articolo
(0 Voti)

lggL’adenocarcinoma delle ghiandole apocrine dei sacchi anali (AGAAS) è associato a un alto tasso di metastasi ai linfonodi ileosacrali che può influenzare il trattamento e la prognosi. Recentemente è stato osservato che la risonanza magnetica (MRI) è più sensibile rispetto all’ecografia addominale (AUS) in questi pazienti. Uno studio ha confrontato il tasso di identificazione della linfoadenomegalia ileosacrale di AUS e CT nei cani con AGAAS.

Si analizzavano due gruppi di soggetti: gruppo A, 30 cani presumibilmente normali e gruppo B, 20 cani con AGAAS sottoposti a AUS e CT. Nel gruppo A si stabiliva il rapporto medio normalizzato linfonodo:aorta (LN:AO) per i linfonodi iliaco mediale, iliaco interno e sacrale. Le immagini CT del gruppo B venivano in seguito riviste retrospettivamente e i linfonodi venivano considerati aumentati di volume se il loro rapporto LN:AO era due deviazioni standard superiore al rapporto medio normalizzato per quel particolare linfonodo nel gruppo A. La classificazione e la visibilità dei linfonodi identificati mediante AUS venivano confrontate con le misurazioni corrispondenti ottenute con la CT.

LA CT identificava la linfoadenomegalia in 13 cani con AGAAS su 20. In questi 13, la AUS identificava e rilevava tutti i linfonodi aumentati di volume solo nel 30,8% dei casi e non identificava o non rilevava correttamente altri linfonodi ingrossati nei restanti cani. Nonostante le limitazioni nell’identificare l’aumento di volume di tutti i linfonodi affetti, la AUS identificava almeno un linfonodo ingrossato nel 100% dei cani affetti.

L’ecografia addominale è un test di screening efficace per la linfoadenomegalia nei cani con AGAAS ma la CT dovrebbe essere considerata per qualsiasi paziente in cui un ulteriore sito metastatico potrebbe avere un impatto sulla pianificazione terapeutica, concludono gli autori.

"Utility of Computed Tomography versus Abdominal Ultrasound Examination to Identify Iliosacral Lymphadenomegaly in Dogs with Apocrine Gland Adenocarcinoma of the Anal Sac” S. Palladino, M.A. Keyerleber, R.G. King and K.E. Burgess. Journal of Veterinary Internal Medicine Volume 30, Issue 6. November/December 2016 . Pages 1858–1863

 

 

Scritto da
Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD

Letto 1510 volte Ultima modifica il Lunedì, 28 Novembre 2016 11:01

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.