Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6514 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 25 Gennaio 2017

Premedicazione del cavallo: effetti perioperatori di buprenorfina e butorfanolo

  • Meno dolore postoperatorio dopo buprenorfina. Assimilabili le altre variabili analizzate
Vota questo articolo
(0 Voti)

horseLa buprenorfina, un oppiode μ-agonista, è stata di recente autorizzata per l’utilizzo nel cavallo, tuttavia il butorfanolo, un oppioide κ-agonista, è utilizzato più di frequente in questa specie. L’effetto dei due oppioidi non è stato confrontato in ampi studi clinici. Uno studio clinico prospettico, multicentrico, randomizzato, cieco, ha confrontato l’analgesia e le variabili fisiologiche postoperatorie nei cavalli sottoposti a chirurgia elettiva dopo premedicazione con buprenorfina o butorfanolo in un contesto clinico convenzionale.

Si premedicavano con acepromazina, un farmaco antinfiammatorio non steroideo e romifidina, seguiti da buprenorfina o butorfanolo EV, 89 cavalli sani ammessi per chirurgia elettiva in una di 6 cliniche per cavalli in UK. L’anestesia veniva indotta con diazepam/ketamina e mantenuta con isofluorano in ossigeno. Si effettuava una gamma di diverse procedure chirurgiche e si somministravano agenti anestetici aggiuntivi secondo necessità. Si monitoravano le variabili fisiologiche durante l’anestesia e si valutavano il dolore, l’atassia, la sedazione e le funzioni vitali postoperatori.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.

Scritto da
Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD

Letto 898 volte Ultima modifica il Mercoledì, 25 Gennaio 2017 11:29

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.