Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6608 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 24 Maggio 2017

Radiologia ed ecografia di milza e linfonodi nel furetto sano

  • Radiograficamente, milza identificabile in tutti i soggetti analizzati, linfonodi nella metà circa
Vota questo articolo
(0 Voti)

fur1Uno studio ha descritto le caratteristiche radiografiche ed ecografiche della milza e dei linfonodali addominali nel furetto clinicamente sano. Si arruolavano prospetticamente 55 furetti clinicamente sani. Si effettuavano radiografie whole body in 3 proiezioni ed ecografie addominali in furetti svegli (23 su 55) o sedati (32 su 55).

La milza era radiograficamente identificabile in tutti soggetti. Ecograficamente, la milza era iperecogena rispetto al fegato (55 su 55) e lievemente iperecogena (28 su 55), isoecogena (15 su 55) o lievemente ipoecogena (12 su 55) rispetto alla corticale renale. Lo spessore splenico medio era di 11,80 ±0,34 mm.

I linfonodi erano radiograficamente identificabili in 28 soggetti su 55 e includevano i linfonodi mesenterici caudali e sottolombari. Ecograficamente si identificavano in media 9 ±2 linfonodi in ciascun furetto. In tutti i soggetti si identificava un singolo grosso linfonodo digiunale, con uno spessore medio di 5,28 ± 1,66 mm. Per altri linfonodi, lo spessore medio era di 4,4 mm (95% CI: ≤ 3,72 mm).

Le misurazioni fornite dallo studio possono servire come base per la valutazione della milza e dei linfonodi nel furetto, concludono gli autori.


“Radiographic and ultrasonographic findings of the spleen and abdominal lymph nodes in healthy domestic ferrets.” Suran JN, Latney LV, Wyre NR. J Small Anim Pract. 2017 Apr 17. [Epub ahead of print]

Scritto da
Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD

Letto 789 volte Ultima modifica il Mercoledì, 24 Maggio 2017 12:35

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.