Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 5818 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 13 Settembre 2017

La sieroprevalenza di Toxoplasma gondii nel gatto varia con la razza

Scritto da

  • Sieropositività maggiore in Birmano, Ocicat, Norvegese delle foreste e Persiano. Fattori di rischio anche la maggiore età e l’alimentazione con carne cruda
Vota questo articolo
(0 Voti)

Schermata 2017 09 12 alle 09.46.15Toxoplasma gondii è un parassita zoonosico diffuso e rilevante per la sanità pubblica e veterinaria. Il gatto domestico, l’ospite definitivo con la più ampia popolazione mondiale, è importante dal punto di vista evolutivo ed epidemiologico.

L’evoluzione dell’infezione da T. gondii è influenzata dalle caratteristiche congenite e acquisite dell’ospite. In studi precedenti sono state riscontrate differenze di sieroprevalenza del parassita in base alla razza del gatto. Uno studio ha stimato la sieroprevalenza di T. gondii in razze feline domestiche selezionate per valutare se l’appartenenza ad una specifica razza fosse associata alla sieropositività al parassita, considerando contemporaneamente l’età e lo stile di vita dei gatti.

Le razze feline studiate erano Birmano, British Shorthair, Burmese, Korat, Norvegese delle foreste, Ocicat, Persiano e Siamese. Si analizzavano campioni di plasma per identificare la presenza di IgG verso T. gondii mediante un test di agglutinazione diretto commerciale alla diluizione di 1:40.

Complessivamente, era sieropositivo il 41,12% dei 1121 gatti analizzati e la sieroprevalenza aumentava con l’età. Il Burmese aveva la sieroprevalenza minore (18,82%) e il Persiano quella maggiore (60,00%). In accordo al modello di regressione logistica multivariabile finale, la probabilità di essere sieropositivo era da 4 a 7 volte maggiore in Birmano, Ocicat, Norvegese delle foreste e Persiano, rispetto al Burmese; l’età più avanzata e l’alimentazione con carne cruda erano altri fattori di rischio di sieropositività per T. gondii.

Lo studio indica che la sieroprevalenza di T. gondii varia in base alla razza del gatto e che sono fattori di rischio di sieropositività l’appartenenza ad alcune razze, la maggiore età e l’alimentazione con carne cruda, concludono gli autori.

Toxoplasma gondii seroprevalence varies by cat breed.” Must K, Hytönen MK, Orro T, Lohi H, Jokelainen P. PLoS One. 2017 Sep 8; 12 (9):e0184659.

 


Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
EV, Edizioni Veterinarie

Letto 614 volte Ultima modifica il Mercoledì, 13 Settembre 2017 09:22

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.