Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6538 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 29 Settembre 2017

Aspetti CT delle neoplasie tonsillari del cane

  • Una possibile diagnosi differenziale in caso di riscontro tomografico di linfoadenomegalia retrofaringea mediale o aumento di volume tonsillare
Vota questo articolo
(0 Voti)

Schermata 2017 09 22 alle 10.10.47Le tonsille palatine non sono sede comune di neoplasia nel cane. Il tipo neoplastico più frequente è il carcinoma squamocellulare, seguito da melanoma e linfoma. La tomografia computerizzata (CT) è usata sempre più di frequente per l’indagine delle patologie orofaringee del cane ma le informazioni sull’aspetto CT delle neoplasie tonsillari sono limitate.

Uno studio retrospettivo ha descritto gli aspetti CT delle neoplasie tonsillari canine determinando se aspetti CT specifici potessero differenziare tra tonsille neoplastiche e non neoplastiche. Due osservatori rivedevano gli studi tomografici di 14 cani con diagnosi di neoplasia tonsillare effettuata in due cliniche di referenza. La diagnosi era basata su istologia o citologia e identificava un carcinoma in 11 cani, un melanoma in 2 e un linfoma in 1 soggetto.

Schermata 2017 09 22 alle 10.11.50Gli aspetti CT specifici delle tonsille e dei linfonodi regionali non differenziavano le patologie tonsillari neoplastiche da quelle non neoplastiche, tuttavia gli aspetti dei linfonodi regionali erano utili in alcuni casi per la diagnosi. Un marcato aumento di volume (larghezza ≥ 18 mm, 12/18), l’eterogeneità (16/18) e la perdita dell’ilo ipoattenuante (18/18) del linfonodo retrofaringeo mediale erano caratteristiche concomitanti comuni nelle neoplasie tonsillari. La linfoadenomegalia retrofaringea mediale e mandibolare era ipsilaterale alla tonsilla neoplastica rispettivamente in 8/12 e 6/9 cani. In 5 cani si evidenziava un aumento di volume limitato o assente della tonsilla nonostante la linfoadenomegalia metastatica associata.

Le neoplasie tonsillari dovrebbero essere considerate nella diagnosi differenziale dei cani con evidenza CT di linfoadenomegalia retrofaringea mediale isolata (indipendentemente dalla normalità delle dimensioni tonsillari) o di tonsille aumentate di volume in assenza di linfoadenomegalia associata, concludono gli autori.


Computed tomographic appearance of canine tonsillar neoplasia: 14 cases.” Thierry F, Longo M, Pecceu E, Zani DD, Schwarz T. Vet Radiol Ultrasound. 2017 Sep 19. [Epub ahead of print]

Scritto da
Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD

Letto 986 volte Ultima modifica il Venerdì, 29 Settembre 2017 10:50

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.