Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6617 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 20 Ottobre 2017

Trematodi cardiovascolari in Caretta Caretta nel Mar Mediterraneo

  • Spirorchiidae nel 16,7% dei soggetti arenati nel Mar Adriatico. Descritto per la prima volta Neospirorchis spp
Vota questo articolo
(0 Voti)

Schermata 2017 10 18 alle 09.00.26Nella tartaruga marina Caretta caretta sono stati descritti 4 generi di trematodi ematici, con prevalenza e impatto patogeno variabile. Hapalotrema Looss (1899) e Amphiorchis Price (1934) sono i due unici generi segnalati nelle acque del Mar Mediterraneo, mentre mancano dati aggiornati circa le Spirorchiidae nel Mediterraneo centrale e orientale e la prevalenza delle infestazioni. Uno studio ha indagato la presenza e la patologia delle Spirorchiidae in C. caretta nel Mar Mediterraneo.

Venivano sottoposte a esame autoptico 168 tartarughe arenate ungo la costa nordoccidentale del Mar Adriatico tra il 2009 per il 2015, con successive analisi per l’identificazione di trematodi adulti e uova nelle feci e nella milza ed esami istopatologici. Si effettuavano analisi molecolari sugli ospiti e sui parassiti per identificare le origini delle tartarughe e le relazioni filogenetiche dei trematodi.

tremLe Spirorchiidae venivano identificate nel 16,7% degli animali. Hapalotrema mistroides (Monticelli, 1899) e Neospirorchis sp. erano presenti rispettivamente in 26 e 10 casi. Si identificavano trematodi adulti in 6 casi mentre le uova erano osservate all’esame copromicroscopico in tutte le tartarughe infestate; i risultati della ricerca delle uova spleniche erano in accordo con le analisi copromicroscopiche.

Si osservavano soltanto lesioni lievi. Le uova di tipo 1 e 3 erano visibili macroscopicamente nella mucosa gastrointestinale. Si osservava raramente vasculite cardiaca e dei grossi vasi ed erano presenti granulomi multifocali diffusi nei tessuti. L’analisi molecolare assegnava inequivocabilmente i campioni di Spirorchiidae a H. mistroides e Neospirorchis sp. La caratterizzazione genetica del DNA delle tartarughe indicava l’origine mediterranea degli animali.

Lo studio fornisce nuovi dati circa la diffusione delle Spirorchiidae nella popolazione di tartarughe del Mar Mediterraneo e descrive per la prima volta la presenza di Neospirorchis spp. nel bacino. L’infestazione non aveva un effetto causale sulla morte né un impatto importante sullo stato di salute generale degli animali.


Cardiovascular flukes (Trematoda: Spirorchiidae) in Caretta caretta Linnaeus, 1758 from the Mediterranean Sea.” Marchiori E, Negrisolo E, Cassini R, Garofalo L, Poppi L, Tessarin C, Marcer F. Parasit Vectors. 2017 Oct 10; 10 (1): 467.

Scritto da
Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD

Letto 806 volte Ultima modifica il Giovedì, 19 Ottobre 2017 09:50

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.