Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 5818 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 13 Novembre 2017

Parvovirus associato a miocardite e fibrosi miocardica nei cani giovani

Scritto da

  • Nonostante la vaccinazione, CPV-2 può essere una causa importante di lesioni miocardiche
Vota questo articolo
(0 Voti)

pcvLe infezioni parovirali perinatali causano miocardite necrotizzante nei cuccioli, con conseguente elevata mortalità acuta e danni cardiaci progressivi. Benché la diffusione della vaccinazione abbia drasticamente ridotto le epidemie di miocardite parvovirale canina, uno studio ha ipotizzato che le infezioni miocardiche da Parvovirus canino 2 (CPV-2) siano una causa non riconosciuta di miocardite, lesioni cardiache e/o riparazione mediante fibrosi nei cani giovani. Nello studio retrospettivo, si estraeva il DNA da tessuti fissati in formalina e inclusi in paraffina di 40 casi e 41 controlli di età inferiore a 2 anni dal 2007 al 2015. I casi avevano una diagnosi di necrosi, infiammazione o fibrosi miocardica, mentre i controlli incrociati per età erano privi di lesioni miocardiche.

Mediante PCR convenzionale e sequenziamento delle regioni da VP1 a VP2 si identificava CPV-2 in 12 su 40 casi (30%; 95 CI, 18%–45%) e in 2 su 41 controlli (5%; 95% CI, 0,1%–16%).

L’identificazione di DNA di CPV-2 nel miocardio era significativamente associata a lesioni miocardiche. La RT-PCR quantitativa amplificante VP2 identificava RNA messaggero virale in 12 su 12 casi PCR-positivi e in 2 su 2 controlli. I risultati della PCR venivano confermati dall’ibridazione in situ che identifica DNA parvovirale nei miocardiociti e occasionalmente nei macrofagi dei cani giovani e giovani adulti (età mediana 61 giorni).

CPV-2 miocardico veniva identificato in soggetti giovani con miocardite minima ed enterite da CPV-2, aspetto che potrebbe indicare una più prolungata finestra di suscettibilità cardiaca alla miocardite rispetto a quanto precedentemente descritto.

CPV-2 era identificato in cani con grave fibrosi miocardica, con segnali di ibridazione in situ localizzati nei miocardiociti, suggerendo un precedente danno miocardico da parte di CPV-2.

Nonostante la diffusione della vaccinazione, questi risultati suggeriscono che CPV-2 resti una causa importante di lesioni miocardiche nel cane, concludono gli autori.

“Parvovirus Infection Is Associated With Myocarditis and Myocardial Fibrosis in Young Dogs.”Ford J, McEndaffer L, Renshaw R, Molesan A, Kelly K. Vet Pathol. 2017 Nov; 54 (6): 964-971.

 

 


Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
EV, Edizioni Veterinarie

Letto 637 volte Ultima modifica il Lunedì, 13 Novembre 2017 09:08

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.