Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 5818 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 13 Novembre 2017

Alimentazione serale delle bovine durante l’estate

Scritto da

  • Aspetti della strategia gestionale utilizzata in alcuni casi durante i periodi di stress da calore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Schermata 2017 11 13 alle 13.10.34La somministrazione del cibo fresco di sera è una strategia gestionale utilizzata in alcuni casi durante i periodi di stress da calore, tuttavia precedenti esperimenti hanno osservato che la somministrazione serale aumenta l’assunzione di cibo durante le 2 ore successive e non modifica l’assunzione durante la notte.

Uno studio ha determinato l’effetto dell’alimentazione notturna sui ritmi giornalieri della vacca da latte durante la stagione estiva. Si includevano 21 bovine Holstein in uno studio crossover su periodi di 14 giorni. Un sistema automatizzato registrava il momento dell’assunzione del cibo nel corso degli ultimi 7 giorni di ciascun periodo. I due trattamenti consistevano nella somministrazione di cibo fresco ad libitum una volta al giorno alle 08:30 o alle 20:30.

La produzione e la composizione lattea non venivano modificate dal trattamento ma l’alimentazione notturna riduceva la concentrazione di acidi grassi preformati nel grasso del latte. Inoltre, riduceva l’assunzione di cibo di 1,7 kg/die e diminuiva la sostanza secca del tratto digerente totale e la digeribilità della fibra neutro-detersa (NDF) rispettivamente di 0,7 e 0,8 unità percentuali.

La quantità di cibo consumato le prime 2 ore dopo la somministrazione era del 64% maggiore con l’alimentazione serale ma non cambiava tra i due trattamenti durante la notte o nel primo pomeriggio. Un’interazione con il momento del giorno era osservata per la concentrazione di NDF fecale e NDF non digeribile e per la concentrazione plasmatica di glucosio, insulina e urea. L’alimentazione notturna determinava un aumento dell’insulina plasmatica dopo il pasto, che riduceva il glucosio plasmatico. Il ritmo giornaliero della temperatura corporea era sincronizzato al trattamento, con la fase spostata e l’ampiezza ridotta dall’alimentazione notturna, indicando un’alterazione dell’orologio centrale.

L’alimentazione delle bovine una volta al giorno di sera durante l’estate causava un aumento simile dell’assunzione di cibo e dell’insulina plasmatica dopo il pasto a quella precedentemente osservata durante le stagioni non di stress da calore. La nutrizione notturna diminuiva anche l’assunzione il cibo e la digeribilità totale. Prima di intraprendere un’alimentazione notturna si dovrebbero considerare le modalità giornaliere di assunzione del cibo e altri comportamenti, concludono gli autori.

“Short communication: The effects of morning compared with evening feed delivery in lactating dairy cows during the summer.”Niu M, Harvatine KJ. J Dairy Sci. 2017 Nov 8. [Epub ahead of print]

 


Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
EV, Edizioni Veterinarie

Letto 142 volte Ultima modifica il Lunedì, 13 Novembre 2017 14:26

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.