Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6454 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 20 Dicembre 2017

Rinostomia laterale per la rinosinusite cronica del coniglio

  • Un’alternativa tecnicamente più semplice e con meno complicazioni postoperatorie rispetto ad altri approcci descritti
Vota questo articolo
(0 Voti)

Schermata 2018 01 24 alle 08.31.20Due conigli di proprietà venivano visitati per segni cronici di patologia delle vie respiratorie superiori. I segni clinici erano presenti da 3-4 settimane e includevano scolo nasale mucopurulento, tumefazione mascellare destra, dacriocistite ricorrente e starnuti intermittenti. Uno dei due soggetti era stato trattato con lavaggio del dotto nasolacrimale e somministrazione di antibiotici topici e sistemici senza risoluzione dei segni clinici. La CT della testa effettuata in entrambi i casi indicava la presenza di una grave rinosinusite.

Entrambi i soggetti venivano sottoposti a rinostomia unilaterale attraverso un approccio laterale. L’accesso veniva ricavato attraverso la facies cribrosa dell’osso mascellare. Si rimuoveva il materiale purulento dalla cavità nasale e dal seno mascellare affetti mediante debridement e lavaggio. Dopo l’esplorazione endoscopica, si effettuava una marsupializzazione al fine di creare uno stoma.

Entrambi i conigli superavano l’intervento senza apparenti complicazioni e la sede chirurgica si rimarginava entro un mese. La CT ripetuta 5 mesi dopo l’intervento in un soggetto e 13 mesi dopo nell’altro indicava la pervietà dei passaggi nasali e l’assenza di recidiva o persistenza della malattia.

I risultati suggeriscono che la rinostomia laterale dovrebbe essere considerata per il trattamento della rinosinusite cronica grave del coniglio. Tale approccio può essere tecnicamente meno complesso e può ridurre la probabilità di complicazioni postoperatorie rispetto ad altre tecniche descritte, concludono gli autori.


“Lateral rhinostomy for treatment of severe chronic rhinosinusitis in two rabbits” Wright L, Mans C. J Am Vet Med Assoc. 2018 Jan 1; 252 (1): 103-107.

 

Scritto da
Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD

Letto 730 volte Ultima modifica il Mercoledì, 24 Gennaio 2018 08:32

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.