Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6611 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 22 Gennaio 2018

Classificazione delle anemie nel coniglio d’affezione

  • In gran parte lievi. Conta reticolocitaria simile a quella dei soggetti sani
Vota questo articolo
(0 Voti)

Schermata 2018 01 22 alle 10.49.27Uno studio ha determinato le cause e la gravità dell’anemia nei conigli d’affezione (Oryctolagus cuniculus), ha classificato l’anemia e ha confrontato la conta dei reticolociti nei conigli sani e anemici. Si effettuava uno studio retrospettivo e prospettico su 223 conigli in un periodo di 11 anni (2000-2011). Sulla base degli intervalli di riferimento della clinica per i conigli sani (PCV 0,33-0,45 l/l), i soggetti con PCV inferiore a 0,33 l/l erano considerati anemici.

L’anemia era causata principalmente dall’infiammazione (65/223, 29%) e dal sanguinamento (54/223, 24%). Il 7% (15/223) dei conigli soffriva di patologie renali e in 1 si diagnosticava un’emolisi causata dalla torsione di un lobo epatico. Nel 14% (32/223) dei casi più di un meccanismo patologico sottostante, ad esempio infiammazione e sanguinamento, era diagnosticato come possibile causa dell’anemia. Nel 25% (56/223) dei conigli anemici non si identificava una causa.

La maggior parte delle anemie erano lievi (156/223,70 %). Le anemie moderate (43/223, 19 %) o gravi (24/223, 11 %) erano più rare. I conigli anemici mostravano conte reticolocitarie simili ai conigli sani, senza differenze significative. Quindi non era possibile effettuare una differenziazione tra anemia rigenerativa e non rigenerativa.

 “Anaemia in pet rabbits: causes, severity and reticulocyte response”.  Dettweiler A, Klopfleisch R, Müller K. Vet Rec. 2017 Dec 16; 181 (24): 656.

Scritto da
Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD

Letto 1349 volte Ultima modifica il Lunedì, 22 Gennaio 2018 10:58

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.