Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6216 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 09 Febbraio 2018

Campylobacter negli avicoli: infezione correlata alle modificazioni del microbiota intestinale

Vota questo articolo
(0 Voti)

Schermata 2018 02 07 alle 15.12.28Ricercatori dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie (IZSVe) hanno osservato e analizzato le modificazioni del microbiota ciecale dei polli da carne nelle prime settimane di vita per identificare precocemente cambiamenti che possano predisporre alla colonizzazione dell’intestino da parte del batterio Campylobacter.

Lo studio delle interazioni tra batteri patogeni e microbiota intestinale rappresenta un approccio relativamente nuovo ma estremamente interessante, perché consente di comprendere meglio alcune dinamiche ecologiche che sono alla base dell’infezione. “Le informazioni che provengono dal microbiota possono rappresentare uno strumento molto utile per migliorare le strategie di controllo del Campylobacter in allevamento e ridurre il rischio di trasmissione della malattia nell’uomo” – spiega Antonia Ricci, responsabile scientifico della ricerca (RC IZSVe 04/2013), finanziata dal Ministero della Salute.

Il Campylobacter costituisce infatti la causa della tossinfezione alimentare più frequente in Europa. la campilobatteriosi. Gli alimenti di origine animale, in particolare la carne di pollo, sono i veicoli principali di questo patogeno che può colonizzare l’intestino degli animali in allevamento.

L’infezione da Campylobacter di solito si verifica nella fase compresa tra le 3 e le 5 settimane di età del pollo. Lo schema di campionamento applicato nell’ambito del progetto, ovvero i giorni di vita degli animali identificati come il momento opportuno per il prelievo dei campioni, era mirato a cogliere la dinamica dell’infezione che si sviluppa generalmente in modo rapido.

L’applicazione di tecniche di sequenziamento di nuova generazione, come il Next Generation Sequencing (NGS) è risultata vincente proprio perché ha mostrato che la dinamica dell’infezione da Campylobacter è strettamente correlata alle modificazioni del microbiota.



 

Scritto da
Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD Med Vet PhDstudent

Letto 563 volte Ultima modifica il Giovedì, 08 Febbraio 2018 15:43

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.