Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6457 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 23 Marzo 2018

Influenza della frequenza cardiaca sulla sopravvivenza di cani con fibrillazione atriale

  • Una frequenza cardiaca <125 bpm è associata a una sopravvivenza più lunga
Vota questo articolo
(0 Voti)

fibrillazioneLa fibrillazione atriale (AF, atrial fibrillation) è solitamente associata ad una elevata frequenza ventricolare. Quale sia la frequenza cardiaca (HR, heart rate) ottimale in corso di AF non è noto, ma si sospetta che un’elevata frequenza possa influenzare negativamente la sopravvivenza dei cani con AF cronica.

Uno studio retrospettivo è stato condotto su 46 cani con AF dei quali fosse disponibile un monitoraggio Holter della durata di 24 ore, al fine di calcolare la frequenza cardiaca media, minima e massima.

Tutti i 46 cani avevano una malattia strutturale cardiaca; 31/46 avevano un’insufficienza cardiaca congestizia (CHF, congestive heart failure), 44/46 assumevano farmaci antiaritmici. Di 15 cani deceduti per cause cardiache, 14 avevano CHF. Il tempo mediano di morte, qualsiasi fosse la causa, era di 524 giorni (intervallo interquartile, 76-1.037 giorni). La HR media era di 125 bpm (range, 62-203 bpm), la HR minima era di 82 bpm (range, 37-163 bpm), la HR massima era di 217 bpm (range, 126-307 bpm). Questi valori erano significativamente correlati con la mortalità correlata a cause cardiache e non. Per ogni aumento di 10 bpm nella HR media, il rischio di mortalità, qualsiasi fosse la causa, aumentava del 35% (hazard ratio, 1,35; 95% CI, 1,17-1,55; P < 0,001). Il tempo mediano di sopravvivenza dei cani con HR media <125 bpm (n = 23) era significativamente più lungo (1.037 giorni; range, 524-non definito) rispetto ai cani con HR media ≥125 bpm (n = 23; 105 giorni; range, 67-267 giorni; P = 0,0012). La HR media era indipendentemente associata sia alla mortalità da cause cardiovascolari, che alla mortalità da cause diverse da quelle cardiovascolari (P < 0,003).

Gli autori concludono che la HR media, valutata mediante monitoraggio holter, influenza la sopravvivenza dei cani con AF. Cani con HR media <125 bpm hanno aspettative di vita più lunghe rispetto a cani con HR ≥125 bpm.

 

“Retrospective evaluation of the effect of heart rate on survival in dogs with atrial fibrillation” Pedro B, et al. J Vet Intern Med. 2018 Jan; 32(1):86-92.


Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Letto 1459 volte Ultima modifica il Venerdì, 23 Marzo 2018 11:04

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.