Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 5988 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 16 Aprile 2018

Artrite settica nei vitelli

  • La scelta empirica dell’antibiotico deve essere effettuata in funzione dei batteri più comunemente isolati
Vota questo articolo
(0 Voti)

artrite setticaUno studio retrospettivo si è posto l’obiettivo di descrivere i riscontri clinici e i risultati dei test diagnostici in corso di artrite settica nei vitelli, e di identificare potenziali fattori prognostici.

Sono stati inclusi nello studio vitelli con artrite settica di età ≤ 6 mesi, dei quali si disponesse dei dati relativi al segnalamento, anamnesi, esame fisico, risultati dei test diagnostici, terapia e outcome. I vitelli sono stati assegnati a due gruppi in funzione dell’età al momento del ricovero: vitelli in età neonatale (≤28 giorni di età) e vitelli in età post-neonatale (età compresa tra i 29 e i 180 giorni).

Sessantaquattro vitelli avevano 92 articolazioni infette; 17 di essi avevano poliartrite. L’articolazione più frequentemente interessata dal fenomeno flogistico era il carpo, seguito dal ginocchio e dal tarso. Dagli esami colturali, effettuati su campioni di liquido sinoviale prelevati da 38 vitelli, sono stati ottenuti 49 isolati batterici; i batteri più comunemente identificati appartenevano ai generi Streptococcus spp catalasi-negativi (n = 14) e Mycoplasma bovis (n = 9). Per i vitelli in età neonatale, l’intervallo di tempo tra l'inizio dei segni clinici e il ricovero in ospedale era stato più breve; questi ultimi avevano, inoltre, una maggiore probabilità di avere infetta l'articolazione carpale rispetto ai vitelli in età post-neonatale. L’outcome è stato positivo per 35 vitelli. La conta delle cellule nucleate dal liquido sinoviale è risultata essere positivamente correlata ad un outcome favorevole.

I risultati di questo studio suggeriscono che la scelta del trattamento antimicrobico empirico per i vitelli con artrite settica deve ricadere tra gli antibiotici efficaci nei confronti dei batteri coccoidi gram-positivi catalasi-negativi e nei confronti di M. bovis; infine, la conta delle cellule nucleate totali del fluido sinoviale pare possa costituire un utile indicatore prognostico.

 

“Clinical findings and diagnostic test results for calves with septic arthritis: 64 cases (2009-2014)” Constant C, et al. J Am Vet Med Assoc. 2018 Apr; 252(8):995-1005.


Eleonora Malerba Med Vet PhDstudent

Letto 176 volte Ultima modifica il Lunedì, 16 Aprile 2018 11:09

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.