Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6177 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 16 Maggio 2018

Cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro nel bulldog inglese

  • Patologia più diffusa nei soggetti di sesso maschile; tempi mediani di sopravvivenza di circa 8 mesi
Vota questo articolo
(0 Voti)

bulloLa cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro (ARVC, Arrhythmogenic Right Ventricular Cardiomyopathy) è un'importante causa di morte improvvisa nelle persone e nei cani boxer; recentemente questa patologia è stata descritta anche nei cani di razza bulldog inglese.

Uno studio retrospettivo ha descritto le caratteristiche cliniche dei bulldog inglesi con diagnosi clinica di ARVC.

L'età media dei 31 cani identificati era di 9,2 ± 1,6 anni (range 7-13 anni). I maschi erano 2,9 volte più numerosi rispetto alle femmine. Al momento della prima valutazione clinica, 5 cani presentavano aritmie subcliniche, 10 cani avevano segni clinici attribuibili all'aritmia e 16 cani presentavano un’insufficienza cardiaca congestizia. Diciotto cani (58%) avevano una tachicardia ventricolare e cinque (16%) avevano anche aritmie sopraventricolari. Quattro cani hanno subito una morte improvvisa, 2 cani sono morti per insufficienza cardiaca congestizia, 11 cani sono stati sottoposti ad eutanasia per cause cardiache e 2 cani sono morti o sono stati sottoposti ad eutanasia per cause non cardiache. L'analisi di Kaplan-Meier ha mostrato un tempo di sopravvivenza mediano di 8,3 mesi.

Gli autori dello studio sottolineano che questo è il primo studio che descrive le caratteristiche cliniche dell’ARVC in una popolazione di bulldog inglesi, ma ammette la necessità di ulteriori studi per definire al meglio le caratteristiche cliniche della malattia in questa specifica razza.

 

“Clinical Features of English Bulldogs with Presumed Arrhythmogenic Right VentricularCardiomyopathy: 31 Cases (2001-2013)” Cunningham SM, et al. J Am Anim Hosp Assoc. 2018 Mar/Apr;54(2):95-102.


Eleonora Malerba Med Vet PhDstudent

Letto 448 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.