Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6544 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 01 Giugno 2018

Somministrazione orale di milbemicina ossima e spinosad in cani microfilaremici

  • La combinazione di MBO e spinosad, pur riducendo la conta delle microfilarie, non è sufficiente a neutralizzarle completamente
Vota questo articolo
(0 Voti)

microfilariaUn trial cieco randomizzato a blocchi ha valutato la sicurezza della somministrazione per bocca di un prodotto contenente milbemicina ossima (MBO) associata a spinosad in cani microfilaremici (Dirofilaria immitis).

La prova è stata condotta su 32 cani di razza Beagle con dirofilariosi suddivisi in 4 gruppi (8 cani per gruppo) sottoposti a 3 diversi protocolli di trattamento per bocca a intervalli di 28 giorni: un gruppo ha assunto un placebo (gruppo di controllo), un gruppo ha assunto compresse di MBO-spinosad contenente MBO alla dose prossima al limite superiore riportato sull’etichetta in base al peso del soggetto (da 0,75 a 1 mg/kg [da 0,34 a 0,45 mg/lb]; gruppo 1x) oppure con una dose di MBO 3 volte superiore (gruppo 3×) o, infine, con una dose di MBO 5 volte superiore (gruppo 5x). Prelievi di sangue sono stati effettuati più volte durante il periodo della prova che si è conclusa al sessantacinquesimo giorno con la necroscopia dei soggetti e la quantificazione delle filarie adulte.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.


Eleonora Malerba Med Vet PhD

Letto 1346 volte Ultima modifica il Venerdì, 01 Giugno 2018 08:52

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.