Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7133 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 20 Giugno 2018

Tecniche diagnostiche in corso di angiostrongilosi nei cani

  • L'ELISA per la rilevazione degli anticorpi e la PCR sul liquido del lavaggio broncoalveolare sono le tecniche diagnostiche associate ad una sensibilità più elevata
Vota questo articolo
(0 Voti)

Angiostrongylus vasorum larva detected by the Baermann techniqueL'angiostrongilosi è considerata una malattia emergente in alcune aree del nostro continente. La rilevazione di larve di primo stadio nelle feci utilizzando il metodo Baermann ha una sensibilità imperfetta.

Uno studio retrospettivo ha indagato l'efficacia di test diagnostici non invasivi effettuati su campioni di sangue e feci nel diagnosticare l’angiostrongilosi confrontandoli con la PCR eseguita su materiale ottenuto mediante lavaggio broncoalveolare (BAL) in un piccolo gruppo costituito da 7 cani dispnoici con tosse e infezione naturale sostenuta da Angiostrongylus vasorum.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.

Scritto da
Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Letto 1107 volte

VET Channel

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.