Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6457 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 22 Giugno 2018

Cateterismo venoso centrale nel cane e nel gatto

  • Lo studio prende in esame le complicazioni e i fattori di rischio connessi al posizionamento e al mantenimento di un catetere venoso centrale
Vota questo articolo
(0 Voti)

catetere centraleUno studio osservazionale prospettico ha descritto le problematiche rilevate durante il posizionamento del catetere venoso centrale, le condizioni associate al fallimento del cateterismo e le complicazioni connesse alla gestione del catetere venoso centrale.

Sono stati inclusi 27 cani e 20 gatti ricoverati nel reparto di terapia intensiva di un ospedale veterinario universitario.

Il 91% dei cateteri venosi centrali (43/47) è stato posizionato con successo. Le difficoltà relative alla procedura che hanno determinato l'impossibilità di posizionare il catetere venoso centrale sono state l'incapacità di individuare la vena giugulare (10), la formazione di un ematoma (6), il malposizionamento (1) e la dislocazione (1). Complicanze procedurali si sono verificate in 24/47 pazienti (51%) e includevano aritmie cardiache (13), ematoma (6), fallimento dell’inserimento del catetere (4) e malposizionamento (1). I fattori di rischio associati a tentativi ripetuti di cateterizzazione includevano un'età più avanzata (7,5 anni [± 4,2] vs 10,6 anni [± 4,1], P = 0,04), taglia più piccola (8,0 kg [0,6-51,9 kg] vs 4,4 kg [2,6-6,8 kg] , P <0,01) e un body condition score più basso (mediana 5/9 [2/9-9/9] vs 4/9 [2/9-7/9], P = 0,04). Il fattore di rischio associato all’insorgenza di aritmie era la taglia piccola (6,8 kg [2,6-51,9 kg] vs 4,8 kg [0,6-29,5 kg], P = 0,04). In 14 pazienti sono insorte 18 complicazioni dopo il posizionamento del catetere e comprendevano ostruzione meccanica (7), irritazione cutanea (6), malposizionamento (4) e infiammazione (1). I fattori di rischio che avevano predisposto a queste complicazioni includevano un tempo di permanenza più lungo (5 giorni [2-30] vs 3 giorni [1-10], P <0,01) e la somministrazione di un farmaco irritante (P = 0,02).

Il posizionamento e il mantenimento di un catetere venoso centrale non sono privi di complicazioni, ma le sequele potenzialmente letali hanno una bassa incidenza. L’età avanzata, la piccola taglia e un body condition score più scadente sono stati identificati come i fattori di rischio associati al cateterismo venoso centrale.

 

“Evaluation of the placement and maintenance of central venous jugular catheters in critically ill dogs and cats” Reminga CL, et al. J Vet Emerg Crit Care (San Antonio). 2018 May;28(3):232-243.


Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Letto 662 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.