Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6538 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 03 Settembre 2018

Trauma toracico nel gatto: fattori associati alla sopravvivenza

  • Il punteggio dell’ATT e il verificarsi o meno di un arresto cardiopolmonare sono associati alla sopravvivenza
Vota questo articolo
(0 Voti)

trauma toracicoUno studio retrospettivo su 23 gatti sottoposti ad intervento chirurgico per trauma toracico ha determinato quali fossero le lesioni più comunemente riscontrate, le complicazioni associate alla chirurgia e i fattori associati alla mortalità; infine ha valutato l'efficacia del sistema di punteggio del triage traumatologico degli animali (animal trauma triage, ATT) nel predire l’outcome.

In 8 gatti (35%) il trauma toracico era dovuto all’aggressione da parte di un cane, in 6 (26%) ad un incidente automobilistico, in 2 (9%) all’aggressione da parte di un altro animale, in 2 (9%) ad un trauma da caduta o impalamento, in 1 (4%) ad un proiettile penetrante e in 4 (17%) ad una causa sconosciuta. La chirurgia intratoracica è stata necessaria in 15 dei 23 gatti (65%). Il tasso complessivo di mortalità perioperatoria era del 13% (3/23). I punteggi medi dell’ATT (± DS) per i gatti sopravvissuti e non sopravvissuti erano rispettivamente 6,4 (± 2,2) e 10,0 (± 1,7). Diciannove gatti su 20 che non avevano subito un arresto cardiopolmonare sono sopravvissuti alla dimissione, mentre solo 1 gatto su 3 che avevano subito un arresto cardiopolmonare è sopravvissuto.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.


Eleonora Malerba Med Vet PhD

Letto 1015 volte Ultima modifica il Lunedì, 03 Settembre 2018 11:11

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.