Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6216 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 12 Settembre 2018

Salmonella enterica multiresistente: impatto sulla salute dei cavalli

  • La biosicurezza rappresenta la principale strategia per contenere i rischi connessi alla diffusione di ceppi di Salmonella multiresistenti
Vota questo articolo
(0 Voti)

diarrea cavallo 1 538x269La Salmonella enterica è un’importante causa di infezioni nosocomiali negli ospedali veterinari, responsabile di focolai sostenuti da ceppi multiresistenti con conseguenti elevati tassi di mortalità e notevoli perdite economiche.

Gli obiettivi di uno studio erano quelli di indagare i fattori associati alla comparsa di ceppi di Salmonella enterica multiresistenti e valutare l'effetto che la diffusione di tali ceppi potesse esercitare sull’outcome di cavalli precedentemente ospedalizzati e sui cavalli conviventi.

Allo scopo di determinare i fattori associati alla comparsa di multiresistenza, sono state analizzate le cartelle cliniche dei cavalli sottoposti a 373 colture (94 positive, 279 negative); per valutare il follow-up a lungo termine dei cavalli precedentemente ospedalizzati e dei loro conviventi, i proprietari sono stati sottoposti ad un’intervista telefonica.

I cavalli che durante il ricovero avevano presentato diarrea avevano una maggiore probabilità di diffondere la Salmonella rispetto ai cavalli senza diarrea (OR 1,88), ma i ceppi isolati, in questo caso, erano tendenzialmente sensibili ai comuni antibiotici. La somministrazione di terapie antibiotiche durante l'ospedalizzazione non è stata associata alla comparsa di ceppi multiresistenti. Infine, la presenza di tali ceppi non ha aumentato il rischio di morte, di coliche o di alterazione delle caratteristiche delle feci nei cavalli precedentemente ospedalizzati, né ha aumentato il rischio di ospedalizzazione o di alterazioni delle feci nei cavalli conviventi nella stessa scuderia.

In conclusione, la diffusione di Salmonella non è stata associata a tempi medi di sopravvivenza ridotti o ad un maggiore rischio per la salute dei soggetti conviventi, forse a causa delle misure di biosicurezza attuate dai proprietari. Indipendentemente da ciò, è consigliabile che i cavalli dimessi da strutture ospedaliere siano tenuti separati dai conviventi subito dopo la dimissione ed è necessario attuare misure di igiene rigorose nella fase di reinserimento in scuderia.

 

“Factors associated with equine shedding of multi-drug-resistant Salmonella enterica and its impact on health outcomes” Burgess BA, et al. Equine Vet J. 2018 Sep;50(5):616-623. doi: 10.1111/evj.12823. Epub 2018 Mar 26.


Eleonora Malerba Med Vet PhDstudent

Letto 223 volte Ultima modifica il Martedì, 11 Settembre 2018 14:10

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.