Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6457 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 17 Settembre 2018

Tannini di castagno nel trattamento della diarrea neonatale del vitello

  • Il loro utilizzo accorcia la durata dell’evento diarroico e riduce l’impiego di trattamenti antibiotici
Vota questo articolo
(0 Voti)

fecalLa diarrea neonatale del vitello è generalmente causata da agenti infettivi ed è un evento molto comune che comporta sostanziali perdite economiche. I tannini sono noti per le loro proprietà astringenti e antinfiammatorie nel tratto gastroenterico.

Lo scopo di questo studio era quello di valutare l'effetto della somministrazione orale di tannini di castagno (Castanea sativa Mill.) sulla durata dell’evento diarroico in 24 vitelli di razza Frisona affetti da diarrea neonatale. I soggetti inclusi sono stati divisi in un gruppo di controllo (C), al quale è stato somministrato Effydral® in 2 litri di acqua calda, e un gruppo trattato con tannini (T), che ha ricevuto Effydral® in 2 litri di acqua calda cui sono stati aggiunti 10 grammi di estratto di tannini di castagno in polvere.

La durata dell’evento diarroico è risultata significativamente maggiore nel gruppo C (10,1 ± 3,2 giorni) rispetto al gruppo T (6,6 ± 3,8 giorni) (p = 0,02).

Sia in medicina umana che veterinaria, l’impiego di trattamenti fitoterapici in corso di svariate patologie è diventato sempre più comune al fine di ridurre la presenza di molecole antibiotiche nella catena alimentare e nell'ambiente. I risultati di questo studio suggeriscono che la somministrazione di tannini sembri accorciare la durata dell’evento diarroico, supportando l’efficacia astringente dei tannini di castagno nel vitello, come già riportato nell’uomo. Gli autori affermano che l'uso di tannini di castagno potrebbe rappresentare un trattamento efficace e a basso impatto nei vitelli con diarrea neonatale.

 

“Oral administration of chestnut tannins to reduce the duration of neonatal calf diarrhea” Bonelli F, et al. BMC Vet Res. 2018 Jul 28;14(1):227. doi: 10.1186/s12917-018-1549-2.


Eleonora Malerba Med Vet PhD

Letto 537 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.