Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7040 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 29 Ottobre 2018

Mieloencefalite protozoaria equina: ruolo delle proteine di fase acuta

  • Le proteine di fase acuta non sono di alcun supporto alla sierologia nella diagnosi di mieloencefalite protozoaria equina
Vota questo articolo
(0 Voti)

MPELa diagnosi antemortem di mieloencefalite protozoaria si basa sulla dimostrazione della presenza di anticorpi intratecali. Dal momento che questo test può associarsi ad una bassa specificità, alcuni sostengono che, in associazione alla sierologia, possano essere d’ausilio le proteine di fase acuta.

L’obiettivo di questo studio era quello di verificare se le concentrazioni sieriche di proteina C-reattiva (CRP) o di sieroamiloide A (SAA) fossero più elevate in corso di mieloencefalite protozoaria equina (MPE) rispetto ad altre malattie neurologiche.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.

Scritto da
Eleonora Malerba Med Vet PhD

Letto 708 volte

SCIVAC Rimini Web

eveditoria Editoria Scientifica

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.