Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6514 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 19 Novembre 2018

Lavaggio broncoalveolare nei gatti sani

  • Tecnica broncoscopica e non broncoscopica: di facile esecuzione ed entrambe permettono di ottenere campionamenti adeguati
Vota questo articolo
(0 Voti)

fig 4 instillsaline 3685 articleUno studio prospettico randomizzato ha voluto confrontare il lavaggio broncoalveolare (BAL, bronchoalveolar lavage) effettuato mediante l'uso di una tecnica broncoscopica (B-BAL, bronchoscopic BAL) e di una tecnica non broncoscopica (NB-BAL, nonbronchoscopic BAL) in 12 gatti sani.

In ciascun gatto sono state eseguite entrambe le tecniche di BAL in ordine randomizzato, a distanza di 2 settimane l’una dall’altra. Il BAL è stato eseguito in anestesia mediante l’utilizzo di un broncoscopio a fibre ottiche di 2,9 mm (B-BAL) o di un catetere di gomma rosso 8F (NB-BAL). Nei campi polmonari caudali di destra e di sinistra, sono state infuse due aliquote di soluzione salina (0,9% NaCl) da 5mL, successivamente aspirate manualmente con l’utilizzo di una siringa da 20 mL. Sono state registrate le quantità di fluido recuperate, la profondità di inserimento e le complicazioni anestesiologiche. Per ogni campione sono stati effettuati il conto totale delle cellule nucleate, quello differenziale, e sono stati assegnati dei punteggi semiquantitativi alla qualità del vetrino citologico.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.


Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Letto 841 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.