Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6252 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 21 Novembre 2018

Stenosi e imperforazione rinofaringea nel cane e nel gatto

  • Successo variabile tra dilatazione pneumatica e posizionamento di uno stent; alta percentuale di complicazioni sia con stent nudi che rivestiti
Vota questo articolo
(0 Voti)

NPS Figure 3jpgwmL’obiettivo di questo case series è quello di valutare l’outcome di 15 cani e 31 gatti con stenosi rinofaringea benigna o imperforazione del rinofaringe sottoposti a dilatazione pneumatica o al posizionamento di uno stent metallico.

Cinque cani e 22 gatti sono stati sottoposti a dilatazione pneumatica, ottenendo il successo terapeutico in soli 11/27 (41%) pazienti (0 cani e 11 gatti). Gli stent sono stati posizionati in 34 pazienti (inclusi 15 soggetti in cui la dilatazione pneumatica non aveva avuto successo). Gli stent nudi sono stati posizionati in 30 pazienti, in 20 (67%) dei quali con successo. Gli stent rivestiti sono stati applicati in 11 pazienti (inclusi 7 soggetti in cui il posizionamento dello stent nudo non aveva avuto esito positivo), ottenendo un successo terapeutico nel 100% dei casi trattati. Ventitre dei 34 (68%) pazienti in cui sono stati posizionati gli stent hanno sviluppato complicazioni. Le complicazioni più comuni nei 30 pazienti con stent nudi sono state crescita anomala di tessuto (n = 10), infezione cronica (7) e rottura dello stent (5); quelle degli 11 pazienti con stent rivestiti sono state infezione cronica (8) e fistola oronasale (3). Complessivamente, l'outcome è stato positivo in 36 dei 46 (78%) pazienti (tempo di follow-up mediano, 24 mesi, range:2-109 mesi).

I risultati suggeriscono che nei cani e nei gatti la stenosi e l’imperforazione del rinofaringe possono essere trattate con successo tramite dilatazione pneumatica o posizionamento dello stent. Da tenere in considerazione l’elevata probabilità di insuccesso terapeutico in caso di sola dilatazione pneumatica e l’elevato rischio di complicazioni, sia nel caso degli stent nudi, sia per quelli rivestiti.

 

"Interventional treatment of benign nasopharyngeal stenosis and imperforate nasopharynx in dogs and cats: 46 cases (2005-2013)" Burdick S et al. J Am Vet Med Assoc. 2018 Nov 15;253(10):1300-1308. doi: 10.2460/javma.253.10.1300.


Eleonora Malerba Med Vet PhDstudent

Letto 423 volte Ultima modifica il Martedì, 20 Novembre 2018 13:28

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.