Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6252 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 21 Novembre 2018

Paralisi laringea congenita in 25 Alaskan Husky

  • Si sospetta una base genetica; si raccomanda l’esclusione dalla riproduzione dei soggetti con particolari caratteristiche estetiche
Vota questo articolo
(0 Voti)

ce87506639058dea51823bb8b1a82fcfL’obiettivo di questo case series prospettico era quello di caratterizzare la paralisi laringea congenita (PLC) negli Alaskan Husky.

Sono stati inclusi 25 soggetti di cui sono stati raccolti i dati relative a segnalamento, anamnesis, risultati dell’esame fisico, ortopedico, neurologico e della laringe, reperti dell’esame radiografico dell’esofago, tipo di trattamento; riscontri istologici e outcome.

I cani in cui la patologia era di grave entità erano profondamente dispnoici alla nascita o avevano presentato episodi di collasso dopo un breve esercizio fisico; i cani in cui la paralisi era meno grave erano più soggetti all’affaticamento o si surriscaldavano a seguito di un minimo esercizio. L'età media alla comparsa dei segni clinici era di 6,4 mesi. Occhi blu, macchie bianche del viso e la presenza di tag o lembi tissutali della mucosa orale sono stati osservati rispettivamente in 23 (92%), 19 (76%) e 13 (52%) cani. L'esame neurologico ha rivelato segni di mononeuropatia del nervo laringeo ricorrente ma non di polineuropatia. L'esame istologico ha rivelato l'atrofia neurogenica del muscolo crico-aritenoideo dorsale ma non la polineuropatia. Otto cani (32%) somo stati sottoposti a lateralizzazione cricoaritenoidea unilaterale, con conseguente miglioramento clinico sostanziale, compresa la capacità di competere nelle corse di cani da slitta. Senza intervento chirurgico, 4 (16%) cani sono morti per asfissia, 10 (40%) hanno avuto un miglioramento spontaneo dei segni clinici (ma un miglioramento insufficiente per la competizione) e 3 (12%) sono rimasti affetti. I risultati delle analisi genealogiche hanno suggerito una modalità autosomica recessiva dell'ereditarietà della PLC, con penetranza variabile.

La PLC negli Alaskan Husky valutati era conseguente ad una mononeuropatia del nervo laringeo ricorrente, in assenza di polineuropatia. La maggior parte dei cani affetti aveva occhi blu, macchie bianche del viso e la presenza di tag o lembi tissutali della mucosa orale. Data l'apparente componente genetica della PLC in questa razza, gli autori raccomandano che per i cani con queste caratteristiche sia impedita la riproduzione.

 

“Congenital laryngeal paralysis in Alaskan Huskies: 25 cases (2009-2014)” von Pfeil DJF, et al. J Am Vet Med Assoc. 2018 Oct 15;253(8):1057-1065. doi: 10.2460/javma.253.8.1057.


Eleonora Malerba Med Vet PhDstudent

Letto 319 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.