Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6252 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 30 Novembre 2018

Co-induzione con midazolam e alfaxalone nei cani sani

  • Utilizzare l’alfaxalone seguito dal midazolam nell’induzione riduce l’incidenza di effetti avversi e il fabbisogno di alfaxalone, ma non apporta alcun beneficio cardiovascolare o respiratorio
Vota questo articolo
(0 Voti)

intubation veterinaryL’obiettivo di questo studio prospettico, randomizzato, controllato era quello di indagare se, invertendo l'ordine di somministrazione di midazolam e alfaxalone in cani sani sottoposti ad anestesia, ciò determinasse una diversa incidenza di alterazioni comportamentali, variasse la dose di alfaxalone necessaria per l’induzione e causasse modificazioni di alcune variabili cardiorespiratorie.

Un totale di 33 cani sono stati inizialmente sottoposti a premedicazione intramuscolare con acepromazina (0,02 mg/kg) e morfina (0,4 mg/kg); successivamente, l'anestesia è stata indotta per via endovenosa (IV) somministrando prima midazolam (0,25 mg/kg) e poi alfaxalone (0,5 mg/kg, gruppo MA), o viceversa (gruppo AM). Al gruppo di controllo (gruppo C), prima dell’alfaxalone, è stata somministrata soluzione fisiologica IV. In tutti i gruppi, eventuali dosi aggiuntive di alfaxalone (a 0,25 mg/kg) sono state somministrate in base alla necessità fino a quando l'intubazione orotracheale non fosse stata possibile. Per ciascun gruppo sono stati registrati alterazioni comportamentali, qualità dell'induzione, facilità di intubazione e incidenza di eventi avversi all'induzione. Inoltre, la frequenza cardiaca (HR), la frequenza respiratoria (fR) e la pressione arteriosa sistolica (PAS) sono state misurate prima dei trattamenti (valori basali), 30 minuti dopo la premedicazione e a 0, 2, 5 e 10 minuti dall'intubazione.

L'incidenza di eccitazione era più alta nel gruppo MA rispetto ai gruppi C (p=0,005) e AM (p=0,013). La dose media di alfaxalone necessaria per l’induzione era inferiore nel gruppo AM rispetto al gruppo C (p=0,003). La qualità dell'induzione e la facilità di intubazione erano simili tra i gruppi. In tutti i gruppi, i valori medi delle HR sono diminuiti dopo la premedicazione e aumentati dopo la somministrazione di alfaxalone. I valori medi di PAS erano simili tra i gruppi. Il numero di animali che richiedevano la ventilazione manuale era più alto nel gruppo MA.

Nonostante una minore incidenza di eventi avversi all'induzione nel gruppo AM rispetto al gruppo MA e una minore necessità di alfaxalone nel gruppo AM rispetto al gruppo C, l'uso di una co-induzione con alfaxalone-midazolam nei cani sani non sembra produrre alcun effetto benefico di tipo cardiovascolare o respiratorio.

 

“Effects of midazolam before or after alfaxalone for co-induction of anaesthesia in healthy dogs” Zapata A, et al. Vet Anaesth Analg. 2018 Sep;45(5):609-617. doi: 10.1016/j.vaa.2018.04.002. Epub 2018 Jun 19.


Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Letto 419 volte Ultima modifica il Giovedì, 29 Novembre 2018 12:52

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.