Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6252 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 07 Dicembre 2018

Immunità umorale indotta dal vaccino del cimurro e della parvovirosi

  • L’efficacia del vaccino dipende principalmente dall’immunità materna, ma è influenzata anche da altri fattori; la determinazione del titolo anticorpale è l’unico strumento per valutarla
Vota questo articolo
(0 Voti)

0001 129987653Il Canine Distemper Virus (CDV) e il Canine Parvovirus (CPV) sono agenti eziologici responsabili di infezioni associate ad un elevato tasso di mortalità. Questi virus infettano cani non vaccinati, ma anche cani che sono stati sottoposti a protocolli di vaccinazione incompleti. La vaccinazione svolge un ruolo importante nel ridurre il tasso di mortalità, nel prevenire l’infezione e nel controllare la diffusione del virus. Tuttavia, l'efficacia della vaccinazione potrebbe essere influenzata da diversi fattori, tra cui il piano vaccinale utilizzato e la neutralizzazione del vaccino da parte degli anticorpi materni.

Gli obiettivi di questo studio erano quello di studiare la risposta anticorpale nei cuccioli sottoposti a diversi protocolli di vaccinazione primaria contro il CPV e il CDV, e quello di stimare dopo quanto tempo avviene la sieroreversione in cani adulti non vaccinati da almeno 3 anni.

La protezione anticorpale è stata valutata in un totale di 20 cani: 5 cuccioli che hanno iniziato l'immunizzazione a 6 settimane d’età (gruppo A), 8 cuccioli che hanno iniziato la vaccinazione tra le 8 e le 12 settimane di età (gruppo B) e 7 cani adulti non vaccinati da almeno 3 anni (gruppo C). Da ciascun soggetto sono stati prelevati campioni di sangue ogni 3-4 settimane. Le risposte anticorpali sono state quantificate usando l’ELISA indiretta.

Alla seconda immunizzazione non sono state riscontrate differenze significative relativamente alla sieroconversione tra i gruppi A e B né per il CDV (p = 0,81) né per il CPV (p = 0,20). Alla terza immunizzazione, è stato osservato che il gruppo B necessitava di un tempo statisticamente più breve per ottenere un titolo anticorpale protettivo contro il CPV rispetto al gruppo A (p = 0,015). Lo stesso non era vero per il CDV (p = 0,41). Nel gruppo C, il tempo medio dopo il quale è stata osservata la sieroreversione è stato stimato di 2,86 anni per il CDV e di 7,63 anni per il CPV.

I risultati di questo studio evidenziano che la risposta al vaccino contro il CDV e il CPV è specifica in ogni individuo. L'efficacia della vaccinazione primaria nei cuccioli dipende principalmente dal titolo anticorpale acquisito dalla madre. Altri fattori come l'esposizione ambientale, i piani vaccinali utilizzati e l'attività del sistema immunitario influenzano la durata dell'immunità nei cani adulti. La variabilità riscontrata sottolinea la necessità dideterminare individualmente i livelli di immunità umorale al fine di valutare l'efficacia del vaccino.

 

“Evaluation of the humoral immune response induced by vaccination for canine distemper and parvovirus: a pilot study” Vila Nova B, et al. BMC Vet Res. 2018 Nov 16;14(1):348. doi: 10.1186/s12917-018-1673-z.


Eleonora Malerba Med Vet PhDstudent

Letto 625 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.