Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6457 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 10 Dicembre 2018

Prevalenza di Coxiella burnetii in allevamenti di capre da latte endemici

  • Calo delle rese di latte del 17%; si consiglia l’identificazione precoce e l’eliminazione dei soggetti positivi
Vota questo articolo
(0 Voti)

goat 506003 1280 2 642x336Questo studio analizza la prevalenza dell'infezione da C. burnetii in capre da latte in un allevamento endemico. Il primo obiettivo era quello di determinare la prevalenza dello "spargimento" di C. burnetii al momento del parto e quantificare la concentrazione di equivalenti genomici (EG) presenti in ciascun campione positivo. Il secondo obiettivo era quello di determinare la percentuale di soggetti positivi che si comportavano da “spargitori” persistenti. L’obiettivo finale era quello di definire la relazione tra l’entità dell’infezione al momento del parto, valutata tramite PCR quantitativa (qPCR), e il volume giornaliero di latte prodotto durante la lattazione successiva.

I tamponi vaginali (n = 490) sono stati prelevati al momento del parto e analizzati mediante la qPCR. Lo spargimento di C. burnetii è stato riscontrato nel 15% delle capre sottoposte al campionamento. In base alla concentrazione di EG stimata tramite la qPCR, le capre sono state classificate in negative, debolmente positive e fortemente positive. Il 20% delle capre erano spargitori persistenti di basse concentrazioni di C. burnetii, avendo mostrato uno spargimento dell’agente eziologico anche al parto successivo. Nelle capre fortemente positive alla qPCR le rese giornaliere di latte erano inferiori del 17% rispetto alle capre negative (p = 0,02).

La presenza di C. burnetii era molto differente all’interno della popolazione, con un gruppo relativamente piccolo di capre che spargevano quantità relativamente elevate del batterio. Le capre positive hanno mostrato una riduzione significativa della produzione giornaliera di latte. Gli autori concludono che l’identificazione e l’eliminazione precoce degli esemplari che si comportano da spargitori, potrebbe garantire una maggiore redditività dell'azienda agricola e un minore rischio di trasmissione della febbre Q.

 

“The prevalence of Coxiella burnetii shedding in dairy goats at the time of parturition in an endemically infected enterprise and associated milk yield losses” Canevari JT, et al. BMC Vet Res. 2018 Nov 20;14(1):353. doi: 10.1186/s12917-018-1667-x.


Eleonora Malerba Med Vet PhD

Letto 367 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.