Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6354 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 14 Dicembre 2018

Farmacocinetica e farmacodinamica dell’enrofloxacina nei broiler

  • L’efficacia in vivo dell’enrofloxacina nei confronti di E. coli varia in funzione dell’organo bersaglio
Vota questo articolo
(0 Voti)

pulciniLe infezioni sistemiche sostenute da Escherichia coli sono causa di mortalità precoce nei broiler. Sebbene l'enrofloxacina sia da tempo impiegata in questa specie aviare, non è ad oggi ancora chiara quale sia la relazione farmacocinetica/farmacodinamica (PK/PD) in vivo di tale antibiotico nei confronti di E. coli.

L’obiettivo di questo studio era quello di stabilire un modello di PK/PD in vivo dell’enrofloxacina contro E. coli in pulcini di sette giorni e di accertare se tale modello fosse influenzato dalla scelta dell’organo bersaglio.

I risultati di questa indagine hanno dimostrato che l’efficacia in vivo dell’enrofloxacina nei confronti di E. coli è diversa in funzione dell’organo bersaglio. Il rapporto tra l’area sottesa alla curva nelle 24 ore e la minima concentrazione inibente (AUC0-24/MIC), sia nel caso dell’enrofloxacina da sola sia nel caso dell’associazione tra enrofloxacina e ciprofloxacina, si correlava con l’efficacia in ciascun organo. Nello specifico, il rapporto AUC0-24/MIC dell’associazione di enrofloxacina e ciprofloxacina in grado di espletare la funzione battericida era rispettivamente di 21,29 e 32,13 nel sangue; 41,68 e 58,52 nel fegato e 27,65 e 46,22 nel polmone.

Gli autori concludono che l'efficacia in vivo dell’enrofloxacina nei confronti di E. coli, a parità di dosaggio, era differente in funzione dell’organo bersaglio considerato. Questo concetto deve essere tenuto in considerazione per la scelta della dose di antibiotico da somministrare al fine di garantire l’efficacia della terapia.

 

“In vivo pharmacokinetic/Pharmacodynamic modeling of Enrofloxacin against Escherichia coli in broiler chickens” Xiao X, et al. BMC Vet Res. 2018 Nov 29;14(1):374. doi: 10.1186/s12917-018-1698-3.


Eleonora Malerba Med Vet PhDstudent

Letto 324 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.