Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6354 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 14 Dicembre 2018

Restrizione dietetica nei cani sovrappeso

  • La restrizione alimentare applicata a diete di tipo commerciale può esitare in carenze nutrizionali
Vota questo articolo
(0 Voti)

dogscale 300x214Gli obiettivi di questo studio consistevano nell’indagare quale tipo di raccomandazioni i veterinari che si occupano di medicina generale dessero ai proprietari di cani che devono perdere peso e nello stabilire se tali raccomandazioni determinassero l’insorgenza di carenze nutrizionali.

L’indagine ha previsto che i veterinari venissero sottoposti ad un questionario riguardo le raccomandazioni fornite ai clienti. Sulla base di tali informazioni, sono state stimate le possibili conseguenze nutrizionali sia su diete commerciali non medicali di mantenimento, che su diete per la gestione del peso.

Dall’analisi dei dati ottenuti, è emerso che sono diverse le sostanze nutritive a rischio di carenza sia nelle diete di mantenimento che nelle diete per la gestione del peso. Tra queste sostanze vanno menzionate colina, metionina, cisteina, selenio, acido eicosapentanoico, acido docosaesanoico, riboflavina, acido pantotenico e cobalamina.

Gli autori concludono consigliando cautela nel formulare raccomandazioni sulla perdita di peso utilizzando diete commerciali, almeno fino a quando non saranno intraprese ulteriori ricerche sui fabbisogni nutrizionali dei cani obesi sottoposti a diete dimagranti. La restrizione delle diete commerciali, infatti, può causare carenze nutrizionali.

 

“Risk of nutritional deficiencies for dogs on a weight loss plan” Gaylord L, et al. J Small Anim Pract. 2018 Nov;59(11):695-703. doi: 10.1111/jsap.12913. Epub 2018 Aug 16.


Eleonora Malerba Med Vet PhDstudent

Letto 655 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.