Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6457 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 18 Gennaio 2019

Fattori di sopravvivenza nei cani con malattia renale cronica

  • L’aumento del CaPP, l’iperfosfatemia, l’aumento dell’UPC e del FGF-23, l’atrofia muscolare, un BCS <4/9 e l’aumento della creatinina sono fattori associati alla sopravvivenza
Vota questo articolo
(0 Voti)

86741536Nell’uomo e nel gatto la concentrazione plasmatica del fattore di crescita dei fibroblasti-23 (FGF-23, Fibroblast Growth Factor-23) è un predittore indipendente della progressione della malattia renale cronica (CKD, Chronic Kidney Disease) e della sopravvivenza.

L’obiettivo di questo studio prospettico era quello di indagare la relazione tra FGF-23, l'ormone paratiroideo (PTH), i metaboliti della vitamina D e altre variabili cliniche con il tempo di sopravvivenza nei cani con CKD.

Ventisette cani sono stati raggruppati, sulla base della classificazione IRIS, in stadio 2 (n = 9), stadio 3 (n = 12) e stadio 4 (n = 6). L’associazione con la sopravvivenza è stata valutata per le seguenti variabili: BCS (body condition score), punteggio della condizione muscolare, ematocrito, creatinina, stadio IRIS, fosforo sierico, rapporto proteine:creatinina urinarie (UPC), prodotto calcio x fosforo (CaPP), PTH , 25-idrossivitamina D, 1,25-diidrossivitamina D e FGF-23.

Le variabili che sono risultate associate ad un hazard ratio significativo sono state: BCS <4/9 (1,579; P = 0,05), atrofia muscolare (2,334; P = 0,01), aumento della creatinina (1,383; P = 0,01), iperfosfatemia (3,20; P = 0,005), aumento dell’UPC (3,191; P = 0,01), aumento del CaPP (4,092; P = 0,003) e aumento del FGF-23 (2,609; P = 0,05). I tempi di sopravvivenza erano significativamente differenti tra i diversi stadi IRIS (P = 0,01).

Molteplici variabili, tra cui il FGF-23, sono risultate associate alla sopravvivenza nei cani con CKD. Gli autori concludono che il FGF-23 potrebbe essere un marker prognostico anche nei cani con CKD.

 

“Factors associated with survival in dogs with chronic kidney disease” Rudinsky AJ, et al. J Vet Intern Med. 2018 Nov;32(6):1977-1982. doi: 10.1111/jvim.15322. Epub 2018 Oct 16.


Eleonora Malerba Med Vet PhD

Letto 683 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.