Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6538 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 25 Gennaio 2019

Sistemi di stabilizzazione in corso di intervento di TPLO

  • Nei cani di grossa taglia il sistema di stabilizzazione con placca larga da 3,5 mm riduce il tasso di complicazioni post-chirurgiche
Vota questo articolo
(0 Voti)

3 5 mm tplo plates 2L’obiettivo di questo studio retrospettivo, condotto su 287 cani (342 ginocchi) di peso superiore ai 45,4 kg, era quello di determinare l'influenza di 3 sistemi di stabilizzazione sull’incidenza di complicazioni (in un periodo di follow up della durata di 6 settimane) dopo intervento di osteotomia di livellamento del piatto tibiale (TPLO, tibial plateau leveling osteotomy).

I 3 sistemi di stabilizzazione utilizzati comprendevano una placca larga da 3,5 mm (8P, 78,4%), una placca larga da 3,5 mm con placca SOP (String of Pearls) (8AP, 14,9%) e una placca standard da 3,5 mm (6P, 6,7%). Dei 342 ginocchi in cui è stato effettuato l’intervento di TPLO, in 214 (62,6%) il sistema di stabilizzazione impiegato è stato classificato come “bloccante” e in 128 (37,4%) come “non bloccante”. L’analisi dei dati ha dimostrato che il sistema di stabilizzazione utilizzato influenzava l’incidenza di complicazioni; in particolare, il sistema 8P (placca larga da 3,5 mm) era quello associato al minor tasso di complicazioni. Inoltre è stato osservato che, ottenendo una stabilizzazione “bloccante”, non era più presente una associazione tra peso e incidenza di complicazioni.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.


Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Letto 479 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.