Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6315 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 11 Febbraio 2019

Pemfigo foliaceo felino

  • La prognosi della dermatopatia è buona, la possibilità di recidiva non deve scoraggiarne il trattamento
Vota questo articolo
(0 Voti)

PFLa finalità di questo studio era quella di fornire informazioni sugli aspetti clinici del pemfigo foliaceo (PF) felino e sull'esito del trattamento di questa malattia. Nello studio viene affrontata una revisione dei casi di PF felino pubblicati tra il 1950 e il 2016, ai quali aggiunge ulteriori 35 casi allo scopo di risolvere le incongruenze cliniche e ampliare le conoscenze relativamente al trattamento di tale dermatopatia.

Il PF felino, pur essendo una dermatosi pustolosa acantolitica primaria, si manifesta più frequentemente con la presenza di croste ed erosioni, prevalentemente a carico della testa e delle zampe. Inoltre, la maggioranza dei gatti con malattia attiva presenta anche sintomi non dermatologici quali letargia, febbre e/o anoressia. La prognosi del PF felino è buona dal momento che la maggior parte dei gatti ottiene il controllo della malattia rapidamente, anche con il trattamento più basilare come la monoterapia con glucocorticoidi. La maggior parte dei gatti affetti da PF, tuttavia, richiede un trattamento a lungo termine e, similimente ad altre malattie autoimmuni, il PF felino ha la tendenza a recidivare spontaneamente o conseguentemente a modificazioni della terapia.

Pertanto, essendo la prognosi generale favorevole nonostante le possibilità di recidiva, si consiglia di informare e quindi preparare il proprietario all’ipotesi che ciò accada, al fine di conquistare la sua compliance nell’esecuzione della terapia e per ridurre il tasso di eutanasia in caso di revidiva.

 

“Feline pemphigus foliaceus: original case series and a comprehensive literature review” Bizikova P and Burrows A. BMC Vet Res. 2019 Jan 9;15(1):22. doi: 10.1186/s12917-018-1739-y.


Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Letto 504 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.