Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6420 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 20 Febbraio 2019

Artrite settica dell'articolazione interfalangea distale nei bovini da carne

  • Il gonfiore della fascia coronarica e una zoppia di grado uguale o superiore a 4 supportano fortemente la diagnosi
Vota questo articolo
(0 Voti)

Digital amputation chronic septic arthritis in mature milking dairy cowLa zoppia nella specie bovina è una questione preoccupante nell’ambito del benessere animale, ed è associata a importanti perdite economiche nel contesto dell’allevamento dei bovini da carne. L'infezione dell'articolazione interfalangea distale provoca una zoppia grave e, se non trattata, ha una prognosi infausta. La diagnosi di infezione dell’articolazione interfalangea distale è impegnativa su campo.

Lo scopo di questo studio era quello di determinare i fattori associati all'artrite settica dell’articolazione interfalangea distale nei bovini da carne.

Lo studio ha incluso 39 bovini da carne con zoppia ad un arto. Le alterazioni radiografiche e la citologia del liquido sinoviale dell’articolazione interfalangea distale sono stati usati per definire la presenza (casi) o l'assenza (controlli) dell'infezione.

La presenza di un gonfiore asimmetrico a livello di fascia coronarica del piede colpito e un punteggio di zoppia ≥4/5 aumentavano significativamente la probabilità di diagnosi di artrite settica dell’articolazione interfalangea distale (rispettivamente odds ratio [OR] = 63,2 per il gonfiore della fascia coronarica e OR = 120 per il punteggio di zoppia).

Una semplice valutazione di routine della zoppia potrebbe essere utilizzata su campo per riconoscere rapidamente l'infezione dell’articolazione interfalangea distale nei bovini da carne zoppi.

 

“Factors associated with septic arthritis of the distal interphalangeal joint in beef cattle: A case-control study” Chamorro MF, et al. The Veterinary Journal Volume 244, February 2019, Pages 104-111


Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Letto 88 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.