Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6493 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 27 Febbraio 2019

Toceranib nel trattamento del carcinoma epatocellulare diffuso nel cane

  • Il toceranib potrebbe rivelarsi un trattamento efficace contro il carcinoma epatocellulare canino
Vota questo articolo
(0 Voti)

HCCSei cani con carcinoma epatocellulare diffuso che non possedevano i requisiti per essere sottoposti ad intervento chirurgico sono stati trattati con la somministrazione orale di toceranib alla dose di 2-3 mg/kg a giorni alterni per un minimo di 60 giorni.

Sulla base dei criteri di valutazione della risposta canina in corso di tumori solidi (canine Response Evaluation Criteria in Solid Tumors v1.0), in 3 cani è stata ottenuta una risposta parziale, in 1 cane la malattia è rimasta stabile e in 2 cani si è verificata una progressione della patologia. Gli effetti collaterali osservati sono stati classificati da lievi a moderati sulla base dei criteri terminologici del gruppo di oncologia veterinaria cooperativa (Veterinary Cooperative Oncology Group's common terminology criteria for adverse events v1.1). Le attività dell’alanina aminotransferasi e della fosfatasi alcalina subivano una riduzione nei cani sensibili al trattamento con toceranib; diversamente, le attività di questi enzimi rimanevano elevate nei soggetti resistenti. Inoltre, in uno dei cani resistenti al trattamento, le concentrazioni del recettore 2 del fattore di crescita endoteliale fosfo-vascolare (phospho-vascular endothelial growth factor receptor 2) erano aumentate.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.


Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Letto 519 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.