Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6351 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 08 Marzo 2019

Influenza della dexmedetomidina sull’attività cardiaca di gatti sani

  • Uno studio ecocardiografico sugli effetti della dexmedetomidina e del suo antagonismo con atipamezolo sui parametri cardiologici
Vota questo articolo
(0 Voti)

aneL’obiettivo di questo studio prospettico di coorte era quello di indagare gli effetti di una bassa dose di dexmedetomidina (DEX) seguita da un’infusione a velocità costante (CRI, constant rate infusion) e dell’antagonismo con atipamezolo sulle attività sistolica e diastolica in 11 gatti sani sottoposti ad anestesia con isofluorano.

Dopo aver effettuato un esame ecocardiografico transtoracico (EET), a ciascun gatto sono stati somministrati 5 μg/kg di DEX per via intramuscolare (IM). Dopo 10 minuti, è stato valutato il grado di sedazione, sono stati registrati eventuali effetti avversi ed è stato effettuato un secondo EET. Circa 40 minuti dopo la somministrazione di DEX, è stata indotta l'anestesia con isoflurano e con una CRI di DEX alla dose di 1 μg/kg/h per 80 minuti. Le variabili fisiologiche sono state registrate ogni 10 minuti e l’EET è stato ripetuto 10, 30 e 60 minuti dopo l'inizio dell'anestesia. Una volta interrotta la CRI di DEX, il suo effetto è stato antagonizzato mediante la somministrazione IM di 30 μg/kg di atipamezolo e, 10 minuti dopo, è stato ripetuto un ultimo EET.

Dopo la premedicazione con DEX, è stata osservata una blanda sedazione e un lieve ma significativo incremento della pressione arteriosa sistolica; il vomito è stato un effetto collaterale comune. La gittata cardiaca (GC) e la frequenza cardiaca sono diminuite durante l'anestesia; non sono state rilevate variazioni significative in questi due parametri a seguito dell’antagonizzazione con atipamezolo. Insufficienze valvolari di scarso significato clinico sono state frequentemente osservate dopo la premedicazione con DEX e durante la CRI. Le funzioni sistoliche radiali e longitudinali del miocardio non sono risultate essere influenzate dalla sedazione o dall'anestesia. Diversamente, la fase tardiva della diastole di entrambi i ventricoli era influenzata dall’anestesia con isofluorano e dalla CRI di DEX. Tuttavia, le performance globali del ventricolo sinistro non erano compromesse dai farmaci.

Gli effetti riscontrati in gatti sani premedicati con basse dosi di DEX e mantenuti in anestesia con isoflurano e CRI di DEX erano la riduzione della gittata cardiaca e la compromissione della fase tardiva della diastole.

 

“Dexmedetomidine low dose followed by constant rate infusion and antagonism by atipamezole in isoflurane-anesthetized cats: an echocardiographic study” Carvalho ER, et al. Vet Anaesth Analg. 2019 Jan;46(1):43-54. doi: 10.1016/j.vaa.2018.09.040. Epub 2018 Sep 27.


Eleonora Malerba Med Vet PhDstudent

Letto 612 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.