Stampa questa pagina
Venerdì, 05 Aprile 2019

Megaesofago nel cane

  • Uno studio epidemiologico condotto su vasta scala
Vota questo articolo
(0 Voti)

SFSBlog In letteratura veterinaria sono disponibili informazioni limitate riguardo le caratteristiche su vasta scala del megaesofago nella specie canina.

Questo studio si poneva come obiettivo quello di fornire informazioni relative alle caratteristiche di popolazione, all’anamnesi medica e familiare, alla diagnosi, alle malattie concomitanti e ai fattori predisponenti del megaesofago nel cane.

Tramite un sondaggio web, sono state selezionati 838 casi di megaesofago canino. Le razze che più frequentemente associate al megaesofago congenito erano pastori tedeschi, "goldendoodles", labrador retriever, danesi e bassotti. Le razze più spesso associate al megaesofago acquisito erano labrador e golden retriever, chihuahua, boxer, pastori tedeschi, bassotti e rottweiler. La diagnosi è stata emessa più spesso da un medico generico (63,6%) tramite radiografie semplici (63,3%) e/o con mezzo di contrasto baritato (45%). Il megaesofago congenito è stato diagnosticato nel 41,3% dei cani e la persistenza del quarto arco aortico destro nel 4,3% dei soggetti. Le malattie più comunemente associate al megaesofago acquisito erano la miastenia gravis (19,3%), l’esofagite (10,8%) e l’ipotiroidismo (8,8%).

I risultati del sondaggio confermano predisposizioni di razza già descritte e identificano ulteriori razze a rischio, quali bassotti, boxer, chihuahua, rottweiler e "goldendoodles". La miastenia gravis è stata riscontrata in una percentuale più bassa di soggetti rispetto a quanto riportato in precedenti studi, mentre l'ipotiroidismo è stato riscontrato in una percentuale più elevata.

La maggior parte delle diagnosi è stata effettuata da un medico generico e ciò potrebbe giustificare la discordanza con i risultati ottenuti in studi precedenti condotti presso strutture di referenza in cui potrebbero essere stati riferiti solo i cani con malattia più grave e che, pertanto, hanno avuto un outcome peggiore.

 

“Survey of owners on population characteristics, diagnosis, and environmental, health, and disease associations in dogs with megaesophagus” Haines JM. Res Vet Sci. 2018 Nov 30;123:1-6. doi: 10.1016/j.rvsc.2018.11.026. [Epub ahead of print]


Eleonora Malerba Med Vet PhD

Letto 845 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.