Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6457 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 15 Aprile 2019

Riassorbimento osseo nei cani con ipercalciuria idiopatica e urolitiasi da ossalato di calcio

  • Il riassorbimento osseo non sembrerebbe essere il responsabile dell’urolitiasi da CaOx nei cani con ipercalciuria idiopatica
Vota questo articolo
(0 Voti)

ryan hypercalciuriaandbone teaserLe persone con ipercalciuria idiopatica (II) e urolitiasi da ossalato di calcio (CaOx) presentano spesso un aumentato riassorbimento osseo; il turnover osseo nei cani con le stesse problematiche non è ancora stato indagato.

Lo scopo di questo studio retrospettivo era quello di verificare se le concentrazioni di un marcatore di riassorbimento osseo, il β-crosslaps, fossero significativamente alterate in cani con II e urolitiasi da CaOx rispetto ad un gruppo di controllo.

Le concentrazioni di β-crosslaps sono state misurate, utilizzando un test ELISA, da campioni di siero congelati prelevati da 20 cani con II e urolitiasi da CaOx e da 20 cani di controllo matchati per razza, sesso ed età (in totale 18 Miniature Schnauzer, 14 Bichon Frise e 8 Shih Tzu).

I cani con II e urolitiasi da CaOx avevano concentrazioni di β-crosslaps inferiori rispetto ai controlli (P = 0,0043) e il β-crosslaps ha mostrato una moderata correlazione negativa con il rapporto calcio urinario/creatinina urinaria (r = -0,44; P = 0,0042). I Miniature Schnauzer presentavano concentrazioni di β-crosslaps inferiori rispetto alle altre due razze (P = 0,0035). L'ELISA aveva una precisione intra-assay accettabile, ma le concentrazioni diminuivano progressivamente quando i campioni venivano ripetutamente valutati nel tempo.

In conclusione, nei Miniature Schnauzer, nei Bichon Frise e negli Shih Tzu con II e urolitiasi da CaOx è stata dimostrata una riduzione del riassorbimento osseo rispetto ai controlli. Questi risultati suggerirebbero che altre cause di II diverse dal riassorbimento osseo (ad esempio un aumentato assorbimento intestinale di calcio) sarebbero alla base del rischio di urolitiasi da CaOx. Gli autori sottolineano la necessità di confermare tali dati su una popolazione più ampia e utilizzando altri marker del turnover osseo. La stabilità del β-crosslaps sierico del cane dopo il congelamento-scongelamento e la conservazione a varie temperature richiede ulteriori indagini.

 

“Bone resorption in dogs with calcium oxalate urolithiasis and idiopathic hypercalciuria” Luskin AC, et al. Res Vet Sci. 2019 Jan 4;123:129-134. doi: 10.1016/j.rvsc.2019.01.001. [Epub ahead of print]


Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Letto 309 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.