Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6423 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 08 Maggio 2019

Sindrome da distress respiratorio acuto nel cane e nel gatto

  • Fattori di rischio diversi tra cane e gatto e un tasso di mortalità rispettivamente dell’84% e del 100%
Vota questo articolo
(0 Voti)

cat ARDSUno studio retrospettivo ha indagato i segni clinici, i fattori di rischio e l’outcome della sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS, acute respiratory distress syndrome) nel cane e nel gatto.

Sono state revisionate le cartelle cliniche di 46 cani e 8 gatti con diagnosi di ARDS effettuata basandosi su criteri clinici pubblicati in precedenza o attraverso l’esame necroscopico. Sono stati registrati i dati relativi al segnalamento, ai segni clinici e all’outcome.

Gli animali sono stati raggruppati a seconda che la diagnosi di ARDS fosse stata clinica (gruppo 1, 43/54 [80%]) o necroscopica (gruppo 2, 11/54 [20%]). In 22/43 (51%) soggetti del gruppo 1 era stato effettuato l’esame necroscopico e in 12 di questi soggetti (54%) aveva confermato l’ARDS. Nel cane, le cause dirette (polmonari) di ARDS erano più comuni di quelle indirette, mentre nel gatto le cause dirette e indirette avevano circa la stessa frequenza. Il fattore di rischio più comune nel cane era la polmonite ab ingestis (42%), la sindrome della risposta infiammatoria sistemica (SIRS, systemic inflammatory response syndrome) (29%) e lo shock (29%). Tutti i gatti con una diagnosi clinica di ARDS avevano SIRS, associata o meno a sepsi. Degli animali con una diagnosi clinica di ARDS, il 49% era stato ventilato meccanicamente e il 58% aveva ricevuto un trattamento (con o senza ventilazione meccanica) per 24 ore o più. Il tasso di mortalità per tutte le cause era dell’84% nel cane e del 100% nel gatto.

In accordo con quanto descritto in medicina umana, anche nel cane la polmonite rappresenta il fattore di rischio più comune nei soggetti con ARDS, mentre nel gatto il fattore di rischio più frequente è la SIRS. L’elevato tasso di mortalità e la discrepanza tra diagnosi clinica e necroscopica potrebbero indicare l’esistenza di un limite nei criteri clinici usati attualmente per la diagnosi di ARDS nel cane e nel gatto.

 

“Risk factors, characteristics, and outcomes of acute respiratory distress syndrome in dogs and cats: 54 cases” Boiron L, et al. J Vet Emerg Crit Care (San Antonio). 2019 Mar;29(2):173-179. doi: 10.1111/vec.12819. Epub 2019 Mar 12.


Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Letto 562 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.