Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6454 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 20 Maggio 2019

Anomalie cardiache in corso di meningite-arterite steroido-responsiva

  • Le anomalie cardiache sono comuni ma la maggior parte si risolvono una volta intrapresa la terapia corticosteroidea
Vota questo articolo
(0 Voti)

heartL’obiettivo di questo studio era quello di documentare la prevalenza di anomalie cardiache nei cani con meningite-arterite steroido-responsiva e valutare la risoluzione di queste anomalie dopo la terapia con corticosteroidi.

La meningite-arterite steroido-responsiva è stata diagnosticata sulla base del segnalamento, dell'esame fisico, dell’emocromo completo, dell’analisi biochimica e dell’esame del liquido cerebrospinale. In tutti i soggetti è stata effettuata l'ecocardiografia e sono state misurate le concentrazioni di proteina C-reattiva e di troponina I cardiaca prima dell’inizio della terapia corticosteroidea e dopo 10-14 giorni. Inoltre, in un gruppo di soggetti è stata misurata anche la concentrazione di fibrinogeno.

Quattordici cani sono stati arruolati in modo prospettico. La troponina I cardiaca era aumentata in 5 su 14 cani; anomalie ecocardiografiche sono state rilevate in 12 su 14 cani, tra cui eco-contrasto spontaneo (in 12 su 14), lieve versamento pericardico (in 5 su 14) e lieve riduzione della frazione di accorciamento (in 5 su 14). Tutti i cani presentavano un aumento della proteina C-reattiva; il fibrinogeno era aumentato in 11 dei 12 cani in cui era stata misurata la sua concentrazione. In tutti i cani, il trattamento con corticosteroidi era associato al miglioramento clinico e alla normalizzazione della proteina C-reattiva. Le concentrazioni di troponina I cardiaca si erano normalizzate in 4 dei 5 cani ritestati e il fibrinogeno in tutti i cinque ritestati. L’eco-contrasto spontaneo era migliorato o completamente risolto in tutti i 12 soggetti in cui era presente e il versamento pericardico era risolto in 5 cani su 5. La frazione di accorciamento era rientrata all’interno dei limiti di normalità in 2 su 5 cani.

Gli autori concludono che le anomalie cardiache sono comuni nei cani con meningite-arterite steroido-responsiva e che la maggior parte di queste si risolve con la terapia. Sono necessarie ulteriori indagini volte ad individuare la causa e il significato di queste anomalie al fine di capire se sia indicata una terapia antitrombotica o una terapia inotropa.

 

“The occurrence of cardiac abnormalities in canine steroid-responsive meningitis arteritis” Spence S, et al. J Small Anim Pract. 2019 Apr;60(4):204-211. doi: 10.1111/jsap.12984. Epub 2019 Feb 11.


Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Letto 284 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.