Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6514 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 24 Giugno 2019

Ruolo del benzoato e del fenilbutirrato di sodio nello shunt

  • Nessuna delle due sostanze migliora significativamente l’ammoniemia e i segni clinici conseguenti all’encefalopatia epatica
Vota questo articolo
(0 Voti)

ciclo urea nella escrezione di azotoL'iperammoniemia può causare encefalopatia epatica che, in casi gravi, può portare a coma e morte. Nel cane, gli shunt portosistemici congeniti (CPSS, congenital portosystemic shunt) sono la causa più comune di iperammoniemia. Il trattamento conservativo consiste in una dieta a basso contenuto proteico (proteine modificate), zuccheri (disaccaridi) non assorbibili, antibiotici. Nell’uomo, sia il benzoato di sodio (BS) che il fenilbutirrato di sodio (FBS) sono utilizzati nel trattamento acuto e cronico dell’iperammoniemia conseguente alla carenza degli enzimi coinvolti nel ciclo dell'urea. Si ritiene che entrambi i trattamenti riducano le concentrazioni di ammoniaca nel sangue promuovendo l'escrezione dell'azoto in eccesso sfruttando vie alternative.

L’obiettivo di questo studio crossover randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo era quello di valutare l'efficacia e la sicurezza del BS e del FBS orali per il trattamento dell'iperammonemia e dei relativi segni clinici nei cani con CPSS.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.


Eleonora Malerba Med Vet PhD

Letto 400 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.