Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6514 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 24 Luglio 2019

Razze brachicefaliche: il punto di vista del proprietario

  • La percezione falsata del proprietario riguardo le condizioni di salute del proprio cane giustifica la popolarità di tali razze
Vota questo articolo
(0 Voti)

PpSBbwknbZaHpAN 800x450 noPadLa popolarità delle razze canine brachicefaliche sta aumentando a livello internazionale nonostante i ben documentati problemi intrinseci di salute e benessere associati alla loro conformazione. Dato questo apparente paradosso, è necessaria una maggiore comprensione delle aspettative dei proprietari di cani brachicefali e dei fattori che influenzano il legame tra cane e proprietario.

Questo studio riporta un sondaggio online che ha coinvolto 2168 proprietari di cani brachicefali (Carlino: n=789, età media 2,5 anni; Bulldog francese: n=741, età media 2,0 anni; Bulldog: n=638, età media 2,5 anni). I più comuni disturbi segnalati dai proprietari erano allergie, ulcere corneali, infezioni cutanee della pelle e sindrome brachicefalica (BOAS, Brachycephalic Obstructive Airway Syndrome). Un quinto (19,9%) dei proprietari ha riferito che il proprio cane ha subito almeno un intervento chirurgico correlato alla conformazione, il 36,5% dei cani avevano problemi di termoregolazione e il 17,9% manifestavano problemi respiratori.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.


Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Letto 1064 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.