Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6514 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 02 Agosto 2019

Variazioni anatomiche del tendine popliteo equino

  • Informazioni utili per interpretare le indagini di imaging e l’artroscopia
Vota questo articolo
(0 Voti)

jint cadfdyNel cavallo non è mai stata descritta la funzione del muscolo e del tendine popliteo. Nell'uomo, è considerato uno stabilizzatore della regione caudo-laterale del ginocchio e la sua funzione è strettamente correlata a quella del legamento collaterale laterale (LCL, lateral collateral ligament) e del menisco. Il tendine popliteo (TP) costituisce il principale attacco prossimale del muscolo popliteo al femore e nell'uomo sono state descritte delle variazioni del punto di inserzione. La conoscenza delle variazioni anatomiche è necessaria per la corretta interpretazione dei reperti di imaging e dei risultati dell’artroscopia.

In questo studio, per chiarire ulteriormente l'anatomia del TP equino, sono stati dissezionati entrambi gli arti posteriori di 30 cavalli. Analogamente all'uomo, il TP equino presentava 3 varianti (tipo I, II e III) a seconda del numero di branche che formano il tendine. Inoltre, l'area di inserzione variava potendo essere craniale (al di sotto) o caudale all'inserzione prossimale del LCL. Il TP, inoltre, ha sempre un’inserzione sul menisco laterale.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.


Eleonora Malerba Med Vet PhD

Letto 254 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.