Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6581 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 27 Settembre 2019

Prostaglandine e corpo luteo nelle vacche

  • Gli effetti della prostaglandina F2α possono dipendere dalla via di somministrazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

clvacLa prostaglandina (PG) F2α e i suoi analoghi (aPGF2α) sono usati per indurre la regressione del corpo luteo (CL); la loro somministrazione durante la fase intermedia del ciclo estrale causa la luteolisi nei bovini. Tuttavia, nella fase iniziale del ciclo estrale il CL bovino è resistente all’effetto luteolitico degli aPGF2α. I meccanismi alla base di questa diversa sensibilità del CL non sono ancora del tutto noti.

Al fine di caratterizzare possibili differenze in risposta alla somministrazione di aPGF2α, gli autori di questo studio hanno indagato i cambiamenti nell'espressione dei geni correlati al fattore di crescita 2 dei fibroblasti (FGF2) che ha una potente azione angiogenetica, al recettore 1 del fattore di crescita dei fibroblasti (FGFR1), al recettore 2 del fattore di crescita dei fibroblasti (FGFR2), al fattore di crescita endoteliale-vascolare A (VEGFA), al recettore 1 del fattore di crescita endoteliale-vascolare (VEGFR1) e al recettore 2 del fattore di crescita endoteliale-vascolare (VEGFR2). Inoltre, è stata indagata l’espressione enzimatica della STAR (steroidogenesis-steroidogenic acute regulatory protein), del P450scc (cytochrome P450 family 11 subfamily A member 1), dell’idrossi-delta-5-steroido-deidrogenasi, e del HSD3B (3 β- and steroid delta-isomerase 1) nella fase iniziale e intermedia del CL conseguentemente all'iniezione locale (intra-CL) rispetto a quella sistemica (intramuscolare, IM) degli aPGF2α.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.


Eleonora Malerba Med Vet PhD

Letto 251 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.