Stampa questa pagina
Venerdì, 22 Novembre 2019

Ingestione di uva e uvetta nel cane

  • Bassa prevalenza di danno renale acuto e bassa mortalità
Vota questo articolo
(0 Voti)

uva uvettaL’obiettivo di questo studio retrospettivo consisteva nel descrivere la prevalenza di danno renale acuto (AKI, acute kidney injury), il decorso clinico, le procedure di decontaminazione e l’outcome di 139 cani che avevano ingerito uva o uvetta.

La prevalenza di AKI nei cani per i quali erano disponibili i dati relativi alla chimica sierica, era del 6,7% (8/120). La prevalenza di AKI nei gruppi “ammissione precoce” (3/67) e “ammissione tardiva” (5/53) era rispettivamente del 4,5% e del 9%. La prevalenza di AKI non differiva significativamente tra i due gruppi (P= 0,27). Quattro cani (3,3%) erano iperazotemici già all’ammissione e 4 cani (3,3%) presentavano un aumento della creatinina ≥0,3 mg/dL al controllo (3 cani del gruppo “ammissione precoce” e 1 cane del gruppo “ammissione tardiva”). Il vomito era il segno clinico più comune (18/139). Centoventidue cani (88%) erano stati sottoposti a decontaminazione gastrointestinale; il numero di cani sottoposti a questa procedura era significativamente maggiore nel gruppo “ammissione precoce” (P< 0,0001). Due cani hanno ricevuto una terapia renale sostitutiva continua (emodialisi). Centotrentotto cani erano sopravvissuti e 1 cane era deceduto.

Per leggere l’articolo completo devi fare login con i tuoi codici EGO.

Scritto da
Gaia Carotenuto Med Vet PhDstudent

Letto 1483 volte