Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 6671 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 16 Dicembre 2019

Protocolli anestetici nei gatti sottoposti ad orchiectomia

  • Nessuna differenza tra buprenorfina e butorfanolo; quest’ultimo, però, assicura una maggiore profondità anestetica
Vota questo articolo
(0 Voti)

orchiectomyLo scopo di questo studio era quello di confrontare gli effetti del butorfanolo e della buprenorfina, come parte di un protocollo analgesico multimodale, sul risveglio e l'analgesia nei gatti sottoposti a orchiectomia.

In uno studio clinico prospettico, randomizzato, in cieco, 47 gatti maschi adulti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere butorfanolo (0,3 mg/kg, n=24) o buprenorfina (0,02 mg/kg, n=23) in combinazione con dexmedetomidina (25 μg/kg) e alfaxalone (2 mg/kg) come singola iniezione intramuscolare per l'induzione dell'anestesia generale. L'isoflurano è stato integrato secondo necessità del singolo individuo durante l'orchiectomia. Tutti i gatti hanno ricevuto lidocaina (2 mg/kg intratesticolare), meloxicam (0,3 mg/kg SC) e atipamezolo (125 μg/kg IM) dopo l'intervento. I punteggi per la valutazione del dolore e della sedazione sono stati calcolati prima dell’intervento e dopo 2, 4 e 6 ore. Sono stati registrati anche il tempo impiegato dal singolo soggetto per assumere il decubito sternale e per iniziare ad alimentarsi spontanamente.

Il contenuto completo è libero e gratuito per gli ISCRITTI. Accedi da questo link.


Eleonora Malerba Med Vet PhD

Letto 958 volte

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti. Se chiudi il banner ne accetti l'utilizzo.